Clarisse Sant'Agata, Lectio Divina "Sto alla porta..."

XXVI Domenica TO - C
Antifona d'Ingresso
Signore, tutto ciò che hai fatto ricadere su di noi l'hai fatto con retto giudizio; abbiamo peccato contro
di te,
non abbiamo dato ascolto ai tuoi precetti; ma ora glorifica il tuo nome e opera con noi secondo la grandezza
della tua misericordia.
Colletta
O Dio, che riveli la tua onnipotenza soprattutto con la misericordia e il perdono, continua a effondere su di
noi la tua grazia, perché, camminando verso i beni da te promessi, diventiamo partecipi della felicità eterna.
Per Cristo, nostro Signore.
Prima Lettura
Dal libro del profeta Amos. (Am 6, 1a.4-7)
Così dice il Signore onnipotente: Guai agli spensierati di Sion e a quelli che si considerano sicuri sulla
montagna di Samaria! Distesi su letti d'avorio e sdraiati sui loro divani mangiano gli agnelli del gregge e i vitelli
cresciuti nella stalla. Canterellano al suono dell'arpa, come Davide improvvisano su strumenti musicali;
bevono il vino in larghe coppe e si ungono con gli unguenti più raffinati, ma della rovina di Giuseppe non si
preoccupano. Perciò ora andranno in esilio in testa ai deportati e cesserà l'orgia dei dissoluti.
Salmo 145 (146)
Loda il Signore, anima mia.
Il Signore rimane fedele per sempre
rende giustizia agli oppressi,
dà il pane agli affamati.
Il Signore libera i prigionieri.
Il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto,
il Signore ama i giusti,
il Signore protegge i forestieri.
Egli sostiene l'orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi.
Il Signore regna per sempre,
il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione.
Seconda Lettura
Dalla prima lettera di san Paolo apostolo a Timoteo. (1 Tm 6, 11-16)
Tu, uomo di Dio, evita queste cose; tendi invece alla giustizia, alla pietà, alla fede, alla carità, alla pazienza, alla
mitezza. Combatti la buona battaglia della fede, cerca di raggiungere la vita eterna alla quale sei stato chiamato
e per la quale hai fatto la tua bella professione di fede davanti a molti testimoni. Davanti a Dio, che dà vita a
tutte le cose, e a Gesù Cristo, che ha dato la sua bella testimonianza davanti a Ponzio Pilato, ti ordino di
conservare senza macchia e in modo irreprensibile il comandamento, fino alla manifestazione del Signore
nostro Gesù Cristo, che al tempo stabilito sarà a noi mostrata da Dio, il beato e unico Sovrano, il Re dei re e
Signore dei signori, il solo che possiede l'immortalità e abita una luce inaccessibile: nessuno fra gli uomini lo
ha mai visto né può vederlo. A lui onore e potenza per sempre. Amen.
Alleluia, alleluia.
Gesù Cristo da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà.
Alleluia.
Vangelo
Dal vangelo secondo Luca. (Lc 16, 19-31)
In quel tempo, Gesù disse ai farisei: "C'era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo,
e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe,
bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue
piaghe. Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu
sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui.
Allora gridando disse: "Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell'acqua la punta del
dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma". Ma Abramo rispose: "Figlio,
ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è
consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro
che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi". E quello replicò:
"Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca
severamente, perché non vengano anch'essi in questo luogo di tormento". Ma Abramo rispose: "Hanno Mosè e
i Profeti; ascoltino loro". E lui replicò: "No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si
convertiranno". Abramo rispose: "Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno
risorgesse dai morti"".
Sulle Offerte
Accogli, Padre misericordioso, i nostri doni, e da quest'offerta della tua Chiesa fa' scaturire per noi la sorgente
di ogni benedizione. Per Cristo nostro Signore.
Comunione
Ricorda, Signore, la promessa fatta al tuo servo: in essa mi hai dato speranza nella mia miseria essa mi
conforta.
Dopo la Comunione
Questo sacramento di vita eterna ci rinnovi, o Padre, nell'anima e nel corpo, perché, comunicando a questo
memoriale della passione del tuo Figlio, diventiamo eredi con lui nella gloria. Per Cristo nostro Signore.
Sto alla porta...
La liturgia della Parola di oggi ci chiama a sovvertire il nostro immaginario relativo alla vita, alla morte,
a Dio e all’uomo. La parabola narrata nel Vangelo è rivolta ai farisei “che erano attaccati al denaro” e “si ritengono
giusti davanti agli uomini” (Lc 16,14.15) e presenta due tipi di uomini, ciascuno dei quali vive con un diverso
orizzonte di riferimento: il ricco che pone se stesso e le proprie sicurezze a fondamento della vita; e il povero
Lazzaro che vive nell’attesa di ricevere dall’altro.
Sembra quasi di veder risplendere nei due personaggi della parabola la logica delle beatitudini narrate
dall’evangelista Luca, dove ai “beati” (per la loro povertà, fame, pianto) sono contrapposti i “guai” riservati a chi
è ricco, a chi è sazio, a chi se la ride della vita (cfr. Lc 6, 20-21.24-25). Si tratta di una logica per la quale la
povertà, la fame e il pianto di Lazzaro sono “portatori” della promessa di Dio: il povero è fatto erede del Regno
di Dio come figlio (“beati voi poveri perché vostro è il regno di Dio”), all’affamato è aperto il banchetto del Regno
(“beati voi che ora avete fame, perché sarete saziati”), a chi è nel dolore è data la gioia di una vita in pienezza (“beati
voi che ora piangete, perché riderete”). Il povero, pur nella sua condizione di indigenza su questa terra, possiede già
ciò che le beatitudini promettono. E alla sua morte si “rivelerà” la verità delle promesse di Dio. Al tempo
stesso la morte metterà in luce la condizione del ricco che, pur avendo tutto, non ha “tesorizzato” per il Regno.
Nella vita eterna la sorte del povero e del ricco sono capovolte, in base all’orizzonte di riferimento che
hanno avuto durante la vita su questa terra: “darò a ciascuno secondo le sue opere” dice il Signore in Ap 22,12.
Non si tratta di “opere” di bene e di male. La parabola non dice che il ricco facesse il male. Così come il povero
non è descritto come un uomo che fa il bene. Si tratta di un’altra “opera”, che riguarda più in profondità
l’atteggiamento verso la vita.
Il ricco che la parabola descrive sontuosamente vestito e nell’abbondanza appartiene a quegli uomini
che hanno posto in se stessi l’orizzonte dell’esistenza (Sal 49: “confidano nella loro forza, si vantano della loro
grande ricchezza” “nella prosperità l’uomo non dura: è simile alle bestie che muoiono. Questa è la via di chi confida in se
stesso”, “come pecore sono destinate agli inferi, sarà loro pastore la morte”). Questo ricco è tanto preso e concentrato
su di sé, da non rendersi neppure conto della presenza del povero alla porta della sua vita. L’unica relazione
che sembra vivere è quella con se stesso. È interessante che la parabola non nomini neppure il nome di questo
ricco: ha tutto, ma non ha un nome. Il suo essere senza nome davanti a Dio e agli uomini dice fino a che
punto sia sfigurata la sua umanità. Un uomo infatti è veramente tale in quanto vive di relazioni, con Dio e con
gli altri uomini. Questo uomo ricco potrebbe essere considerato il destinatario delle dure parole rivolte in
Apocalisse alla chiesa di Laodicea: “Tu dici: Sono ricco, mi sono arricchito, non ho bisogno di nulla. Ma non sai di
essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo. Ti consiglio di comperare da me oro purificato dal fuoco per
diventare ricco, e abiti bianchi per vestirti e perché non appaia la tua vergognosa nudità, e collirio per ungerti gli occhi e
recuperare la vista”. La sua ricchezza lo ha talmente chiuso nell’autosufficienza da renderlo cieco e insensibile a
tutto ciò che è fuori di lui (non ha bisogno di nulla). Il ricco è incapace di vedere e “ascoltare” la parola che bussa
alla sua porta ed ha la forma del povero Lazzaro. Lazzaro è vicino, è alla sua porta, e lui non lo vede e non lo
ascolta. Anche la Parola della Scrittura è vicina, ma “se non ascolta Mosè e i Profeti” a nulla vale il ritorno dai
morti di Colui che ha vinto la morte con la sua morte! Insomma l’uomo che vive della sua ricchezza non può
riconoscere Dio che sta alla porta della sua vita.
Infatti Dio stesso si identifica con questo povero che sta alla porta della vita dell’uomo: “Ecco: sto alla
porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me. Il vincitore
lo farò sedere con me, sul mio trono, come anche io ho vinto e siedo con il Padre mio sul suo trono” (cfr. Ap 3,20-21). Sì
perché nell’orizzonte di questa vita terrena l’uomo è nella condizione del “ricco”, cioè di colui che può
accogliere Dio che chiede accesso alla sua vita. E Dio è nella condizione del “mendicante”, Colui che attende
che l’uomo si accorga di Lui! Il nostro Dio ha fame e sete dell’incontro con l’uomo. Non per nulla Gesù stesso
è colui che nell’ora estrema della rivelazione del cuore del Padre, sulla croce, griderà il desiderio di Dio: “ho
sete!” (Gv 19,28): Dio ha fame e sete dell’uomo.
In questo orizzonte paradossale si comprende l’ultima scena della parabola, là dove un abisso separa il
ricco da Lazzaro. Non deve stupirci che Abramo parli di una distanza abissale che non può essere attraversata.
Si tratta della stessa distanza che aveva separato il ricco dal povero sulla terra: non una distanza fisica, ma una
separazione nell’ambito relazionale. Ma mentre durante la vita terrena questa distanza poteva essere colmata,
la morte pone un sigillo eterno sulle scelte maturate durante la vita. Alla morte si rivela la vera situazione del
ricco: la sazietà della sua esistenza nascondeva una sete inestinguibile, una sete di vita vera che ora la
separazione da Dio non può più colmare. L’uomo separato da Dio, che è la sorgente della vita, non può che
morire di sete (come afferma il Vangelo): “ha sete di Te Signore l’anima mia!” (cfr. Sal 42-43; Sal 63), dice il
salmista.
Le parole di Gesù oggi ci chiamano a risvegliare la fame e la sete di Dio che ogni altra sazietà ci ha fatto
dimenticare, perché possiamo accogliere Dio che bussa e che ci chiede di entrare nella nostra vita. Allora, nella
misura in cui avremo vissuto nell’apertura all’Altro che è Dio (e all’altro che è il fratello) saremo riconosciuti
come suoi figli e saremo accolti “nel seno di Abramo” (come dice letteralmente il testo del Vangelo), così come il
Figlio è “nel seno del Padre”, come afferma letteralmente il Vangelo di Giovanni (Gv 1,1): “…e il Verbo era presso
Dio”. Saremo dove è il Figlio, secondo l’ultima promessa di Gesù sulla croce secondo dell’evangelista Luca:
“oggi con me sarai nel paradiso” (Lc 23,43).

Fonte:http://www.clarissesantagata.it/

Post più popolari