PADRE ALVISE BELLINATO, "IL PERICOLO DELLA RICCHEZZA"

Commento su Luca 16,19-31
XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (25/09/2016)
Vangelo: Lc 16,19-31 
COMMENTO ALLE LETTURE
Commento a cura di padre Alvise Bellinato
IL PERICOLO DELLA RICCHEZZA
Il tema affrontato dalla Liturgia in questa XXVI Domenica del tempo ordinario è il pericolo
rappresentato dal cattivo uso delle ricchezze.
Esso ricorre chiaramente nelle tre letture e nel Salmo.
"Perciò ora andranno in esilio in testa ai deportati
e cesserà l'orgia dei dissoluti" (Prima lettura).
Coloro che vivono spensierati e si sentono sicuri a causa delle loro ricchezze, pensano solo a mangiare, bere e cantare, sono chiamati dissoluti. A loro il profeta Amos annunzia una dura punizione: l'esilio. La loro colpa, oltre ad una vita simile ad una "orgia di bontemponi", è che non si preoccupano della rovina dei poveri (qui rappresentati dalla tribù di Giuseppe).
"Il Signore sostiene l'orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi" (Salmo responsoriale).
Con la tipica tecnica del parallelismo antitetico (una frase ripetuta due volte, con contrapposizione di idee) il salmista annuncia il sostegno speciale del Signore ai poveri (nella Bibbia i poveri per antonomasia sono l'orfano e la vedova, in quanto non godono di alcun sostegno previdenziale) e, al contrario, lo sconvolgimento dei malvagi, che nel contesto sono coloro che confidano nella propria forza e autonomia, senza badare agli altri. La punizione dello sconvolgimento significa che le cose non andranno, alla fine, come essi avevano calcolato, ma come vuole Dio.
"L'amore del denaro è radice di ogni specie di mali; e alcuni che vi si sono dati, si sono sviati dalla fede e si sono procurati molti dolori. Ma tu, uomo di Dio, fuggi queste cose!" (Seconda lettura).
La prima lettera a Timoteo contiene una delle espressioni più forti del Nuovo Testamento a riguardo dell'amore del denaro: esso viene definito la radice di ogni specie di mali (nella precedente traduzione della CEI del 1974, si diceva "la radice di tutti i mali"!). Per gli alcuni che vivono in questo amore esagerato e disordinato la punizione sono molti mali.
"Il ricco morì e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui" (Vangelo).
Il ricco anonimo, che ha trascorso la sua vita, assieme ai suoi cinque fratelli, come i protagonisti della prima lettura, cioè in una "orgia di bontemponi"e disinteressandosi totalmente del povero Lazzaro, finisce all'inferno, tra tormenti terribili.
Il Vangelo di Luca, il Vangelo della compassione di Dio, il Vangelo dell'umiltà ci sfida oggi con la parabola di Lazzaro e del ricco. La parabola non è pensata per diffamare coloro che hanno lavorato a lungo e duramente per la loro posizione finanziaria nella vita. Ha invece lo scopo di aiutare tutti noi nel riconoscere le nostre responsabilità.
CECITÁ, SOLITUDINE, MANCANZA DI FEDE
La parabola presenta tre aree di preoccupazione: la cecità, l'isolamento e mancanza di fede.
1. Prima di tutto, la cecità. L'affermazione più terrificante nella parabola arriva all'inizio: il ricco è all'inferno. Dal diavolo alza gli occhi e vede Lazzaro. I suoi occhi non si erano mai incontrati con gli occhi di Lazzaro prima. Sì, l'uomo ricco può aver notato Lazzaro nei puzzolenti, sporchi vestiti mentre elemosinava il cibo quando il ricco apriva la porta di casa per salutare i suoi ospiti per l'ennesima cena. Egli può anche aver chiamato la polizia per lamentarsi: quel vagabondo era un pugno nell'occhio vivente alla sua porta! Ma non è mai riuscito a vedere Lazzaro, un uomo come lui, solo un uomo che aveva fame. Ora, le persone al tempo di Gesù non usavano le forchette. Attingevano alle pentole di stufato con del pane, mordevano quello che volevano e poi buttavano sul pavimento il resto. Lazzaro desiderava cibarsi delle briciole che cadevano dalla tavola dell'uomo ricco, ma non poteva nemmeno ricevere questi scarti. I cani li ricevevano, invece. E poi i cani sono andati fuori a leccare le ferite Lazzaro. Il ricco non ha mai visto questo. Non ha mai visto Lazzaro come un essere umano che aveva il diritto di essere trattato con dignità. I suoi possedimenti lo rendevano cieco verso chi lo circondava. La prima volta che il ricco davvero ha visto Lazzaro come persona, non come un pugno nell'occhio, è stato quando era troppo tardi.
Anche a noi può capitare questo. Perché abbiamo lavorato duramente per la cura per le nostre famiglie, siamo inclini a essere ciechi verso quelli che si assume non abbiamo lavorato per il sostentamento minimo di cui hanno bisogno per sopravvivere. Noi siamo più interessati a ciò che abbiamo fatto piuttosto che e a quello che i poveri hanno o non hanno fatto, che ci chiama in causa con le loro esigenze attuali. Così camminiamo tra i Lazzari del mondo senza nemmeno vederli davvero. I nostri beni e il duro lavoro che ci vuole per noi per ottenerli possono facilmente renderci ciechi.
"Guardate e vedete," la parabola ci dice. Guardare e vedere qualcuno che siamo in grado di raggiungere. Quella persona, Lazzaro alle nostre porte, potrebbe essere il mezzo per la nostra salvezza. Forse quella persona è stata messa lì dal Signore per aiutarci ad andare oltre la cecità inflitta dai nostri averi.
1. La parabola mette in guardia anche noi circa la possibilità di rimanere isolati. Dobbiamo stare attenti che i nostri beni non ci isolino dalla comunità. È facile per noi formarci la mentalità che quello che abbiamo è totalmente e solamente nostro. È facile supporre che non abbiamo alcun obbligo verso gli altri. Questo non si riferisce solo alla ricchezza finanziaria. Si riferisce a qualsiasi cosa potremmo avere.
Ad esempio, uno studente universitario brillante può rifiutare di aiutare un altro studente, temendo la concorrenza futura nel corso di laurea. Così lo studente si isola ad accumulare le sue doti intellettuali. Ottiene ottimi voti in tutti i suoi corsi, ma si isola dalla vita.
Il caso estremo di coloro che si isolano per accumulare i loro beni è quella dell'avaro. L'avaro è miserabile. I suoi possedimenti hanno preso il controllo della sua persona. Egli ha costruito un muro per la comunità e vive e muore in isolamento.
Ma la comunità ha qualche diritto su ciò che mi appartiene? Non lavoriamo duro per le nostre posizioni di autorità o per le meravigliose cose che vogliamo fornire per le nostre famiglie?
Come può la comunità reclamare ciò che è mio?
La risposta è: in definitiva, tutto ciò che abbiamo appartiene a qualcun altro.
Quel qualcun altro è Dio.
Siamo tutti amministratori della sua creazione. Ciò con riferimento non solo ai beni materiale, ma anche all'intelligenza, al talento artistico, alla capacità di essere leaders, ecc. Tutto ciò che abbiamo è in ultima analisi, di Dio. Scorre da Lui ed è solo vantaggioso per noi se si riconduce a Lui. Siamo tutti chiamati a rendere conto di tutto ciò che ci è stato dato. Qui siamo sfidati con un versetto duro, sempre dal Vangelo di Luca: "A coloro cui molto è stato dato, molto sarà chiesto" (Lc 12, 48).
Questo vale per l'ambito spirituale, la grazia di Dio che abbiamo ricevuto, e per l'ambito fisico, i nostri beni materiali. Queste parole oggi ci colpiscono perché si applicano a noi che viviamo in una delle nazioni più ricche e materialiste del mondo.
Non possiamo permettere ai nostri beni di isolarci dalla comunità. Il grande scrittore spirituale americano del secolo scorso Thomas Merton, ha scritto: "Nessun uomo va in cielo da solo". Tutti noi riceviamo la nostra salvezza come membri di una comunità, il Corpo di Cristo.
Quando è stato eletto Papa, le prime parole che Jorge Mario Bergoglio, il nuovo Papa Francesco, ha sentito, venivano da un cardinale che gli diceva, "Si ricordi dei poveri". Ciò che conta è che la Chiesa ha la responsabilità di aiutare i sofferenti. La Chiesa non sarebbe cattolica se non esercitasse la propria responsabilità verso la comunità totale del mondo. La parola "cattolico" significa "universale". La Chiesa non può non sentirsi chiamata in causa finché un fratello o una sorella grida invano per il pane o la giustizia o l'amore.
1. Dobbiamo stare attenti infine che l'attaccamento ai beni materiali non ci porti alla mancanza di fede. L'unico vero bisogno che abbiamo nella vita è la necessità di scopo, di senso per la nostra esistenza. Scopo e significato si possono trovare solo in Dio. Ma per possedere Dio dobbiamo guardare al di là di tutto ciò che è mondano. A volte pensiamo che questo Amore è troppo esigente. È troppo impegnativo per noi. Quindi cosa facciamo? Ci nascondiamo dietro la nostra roba. Vogliamo trovare un significato nella quantità che abbiamo accumulato. Abbiamo lasciato che i nostri beni materiali ci definiscano. Ci condanniamo ad una vita di futilità. Ci condanniamo ai nostri inferni.
Forse, però, se qualcuno dovesse risuscitare dai morti, potremmo cambiare le nostre priorità. Forse se qualcuno dovesse risorgere dai morti saremmo infinitamente più interessati alla vita spirituale, rispetto alla materiale. Forse se qualcuno dovesse risorgere dai morti useremmo i nostri doni, i nostri talenti, la nostra intelligenza, i nostri beni, per vedere meglio, per uscire dall'isolamento e cogliere la presenza di Dio negli altri. "Se solo qualcuno dovesse risuscitare dai morti, i miei fratelli potrebbero cambiare le loro vite", gridò il ricco.
Ma qualcuno è risorto dai morti! Egli ci ha chiamati ad avere fede in Lui, piuttosto che nei nostri possedimenti. Il suo nome è Gesù. E noi siamo qui oggi per chiedergli di aiutarci ad essere cristiani.

Fonte:http://www.qumran2.net/

Post più popolari