fra Damiano Angelucci, "Dalle periferie della storia al cuore dell’uomo"

Commento al Vangelo di Domenica 22 gennaio 2017, III del TO , anno A
Dalle periferie della storia al cuore dell’uomo
TESTO  (Mt 4,12-23)
Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad
abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.


COMMENTO

La discesa del Salvatore verso il basso continua, la sua immersione nei bassi fondi dell’umanità ha una nuova tappa. Prima il fiume Giordano, ora la Galilea delle genti pagane, terra abitata da popolazioni di varie etnie, non più degna di sperare il compimento delle promesse per Israele. Si gioca sul contrasto tenebre – luce, ombra – luce l’inizio della missione del Messia Gesù. Egli è venuto ad annunciare l’affermarsi vittorioso dell’amore di Dio sull’odio e sulla morte. In questo contesto, a partire dagli strati più bassi dell’umanità, come la Galilea, parte la riscossa del regno dei cieli, il nuovo mondo, dove ciò che conta non è il potere, il denaro, il piacere, ma esattamente il contrario: il donarsi all’altro, i rapporti di comunione, la gioia della condivisione.

Occorre cambiare moneta al più presto, perché ciò che prima pagava, nel nuovo regno in cui Gesù ci introduce, non paga più. Occorre convertire i criteri di giudizio per cogliere ciò che rimarrà e ciò che è destinato a perire e scomparire.
L’amore quindi regna, e questa affermarsi di un nuovo ordine è centrato sul bene dell’uomo. Gesù non viene per ristabilire anzitutto le sue prerogative divine in un mondo ormai profondamente compromesso con logiche di sopraffazione; Gesù viene per salvare l’uomo, perché il suo Regno di amore passa attraverso il cuore dell’uomo ed è finalizzato alla piena umanizzazione dell’uomo.

Gesù passa e chiama due coppie di fratelli perché siano pescatori di uomini. Dai rapporti di fraternità ristabilita e ricentrata dalla presenza di Cristo si potrà ripartire per creare una fraternità universale. Pietro e Andrea, Giacomo e Giovanni potrebbero essere la riedizione della prima coppia di fratelli Caino e Abele, fallimentari nella loro capacità di vivere in comunione.

Da questi fratelli Gesù comincia la ricerca dell’uomo; da una nuova esperienza di fraternità centrata non più su rapporti di sangue, ma sulla presenza di Gesù, ricomincia il risanamento di un’umanità ferita dalla divisione, dove guarigioni ed esorcismi inaugurano e anticipano la vittoria, quella che conta, della vita sulla morte.


Fonte:http://fradamiano.blogspot.it/

Post più popolari