Movimento Apostolico "Gli offrirono in dono oro, incenso e mirra

Gli offrirono in dono oro, incenso e mirra
Movimento Apostolico - rito romano  
Epifania del Signore (06/01/2017)
Vangelo: Mt 2,1-12 
L'Evangelista Matteo non ama, non vuole, non desidera, si rifiuta di imprigionare Gesù Signore negli
angusti limiti, ormai fatiscenti dell'antica religione dei padri. Dalla prima parola del suo Vangelo: "Genealogia di Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abramo", fino all'ultima, quella della missione affidata agli apostoli, lui ha un solo desiderio nel cuore: attestare che Gesù è il Salvatore, il Redentore, la vita dell'umanità.
Gli undici discepoli, intanto, andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28,16-20).
Nei Magi si presentano a Gerusalemme tutte le Genti. Esse vengono a cercare il loro Re, il loro Dio, il loro Salvatore. Gesù non è nella Scrittura, essa ci dice dove trovarlo. Non è nel vecchio tempio e neanche nella vecchia Gerusalemme. Non è Erode e nemmeno capi dei sacerdoti e scribi. Loro possono dire solo dove nascerà. Non possono altro. Non sono Cristo e neanche lo conoscono. Indirizzano a Lui, ma essi si disinteressano di Lui. Non sentono il bisogno di cercarlo. A loro basta una lettera morta, un culto morto, una Scrittura morta, una legge morta, un Dio morto.
I capi dei sacerdoti dicono dove nasce. La Scrittura rivela il luogo. Ma né capi dei sacerdoti, scribi e Scrittura sanno dov'è la casa nella quale lui si trova. Occorre sempre una rivelazione attuale. Quanto si sa di Cristo, sul Cristo non basta. Sempre si ha bisogno di una grazia attuale per trovare Gesù. Questa grazia è nel segno della stella e stella può essere ogni grazia che è personalissima. Ognuno riceve la sua propria grazia, che mai sarà uguale a quella ricevuta dagli altri. Il Vangelo è questa stupenda attestazione della moltiforme grazia del Signore. Solo Dio sa qual è la grazia, o la stella, con la quale toccare ogni cuore. Nessun cuore è uguale ad un altro cuore.
Anche la confessione della verità di Gesù varia da cuore a cuore ed ognuno possiede una sua speciale, particolare, personale fede su Cristo Signore. Per i Magi Gesù è il Re. A lui va offerto l'oro. È anche Dio. A Lui va dato l'incenso. È un Re e un Dio avvolto dall'indicibile sofferenza. Va offerta la mirra, segno del dolore, della morte. Nei tre doni dei Magi è significata tutta l'essenza divina e umana di Gesù Signore. Gesù è il Dio uomo e l'uomo Dio, ma è anche il Dio afferrato dall'indicibile sofferenza e dalla morte. I Magi vedono, offrono, ma non comprendono. Comprenderanno quando lo Spirito Santo illuminerà la loro mente, ricolmandola della pienezza della verità di Gesù Signore. La verità di Cristo è oltre ogni Scrittura. Essa è tutta nello Spirito Santo.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci la piena verità di Cristo.

Fonte:http://www.qumran2.net/