Padre Antonio Villarino Comb."La pace, la gioia, il perdono, la missione"

La pace, la gioia, il perdono, la missione
Commento Gv 20: 19-31: Seconda di Pasqua Domenica, 23 aprile 2017
In questa seconda Domenica di Pasqua, abbiamo letto il capitolo 20 di Giovanni, che parla di ciò che
è accaduto "il primo giorno della settimana", cioè al principio della "nuova creazione" della nuova fase storica stiamo vivendo come una comunità di discepoli missionari di Gesù. La presenza di Gesù vive tra la comunità dopo ripetuti otto giorni, per toccare il cuore di Thomas, esattamente come con noi ogni Domenica, quando ogni comunità cristiana si riunisce per celebrare la presenza del Signore.
Il Vangelo ci dice che Thomas non crede fino a quando ha messo le mani sul lato ferito di Gesù. Proprio il lato ferito di Gesù, dato il suo cuore fino alla fine, lo Spirito che permette alla Chiesa di vivere Gesù viene. Con lo Spirito la comunità riceve i seguenti regali: la pace, la gioia, il perdono, la missione. Vediamo brevemente:

1) "Pace a voi"
Gesù usa la forma tradizionale di saluto tra gli ebrei, una formula che alcune culture ancora oggi usano in un modo o nell'altro. Nel nostro linguaggio oggi forse potremmo dire: "Ciao, come stai, vorrei che voi tutti bene, io sono tuo amico, voglio per essere in pace con te." Pensi che poco? Mi sembra molto. Mi ricordo quando l'attuale Papa Francesco, appena eletto, ha fatto un passo sul balcone di San Pietro 's Basilica e disse semplicemente: 'Buona sera'(Buona sera). E 'stato sufficiente che il piccolo saluto a persone saltò per l'eccitazione. No riflessione "profonda" non è necessario, nessuna dichiarazione speciale; proprio questo: un semplice riconoscimento di parole altro da un atteggiamento di apertura e di amicizia.

Credo che l'importanza e la bellezza di un cordiale e amichevole saluto tra i membri della famiglia, riaffermando ogni giorno che amare vicinanza che ci dà la vita e la gioia; Penso di saluto positivo e rispettoso tra collaboratori rendere la vita più sopportabile e produttiva; Penso a quella mano di quello che nella Messa riconoscere nell'altro un fratello, ma mi è sconosciuta; Credo che il gesto di comprensione e sostegno per l'estero ... Penso di pace nel mondo abbiamo bisogno in tempi di grande violenza e di conflitto. In tutte queste situazioni, Gesù è il primo a dire, "Ciao, pace a voi".

E 'interessante notare che, agitando, Gesù mostra le mani e il costato che tenevano le tracce delle torture che aveva subito. Cioè, la pace di Gesù non è un "buon mercato" pace superficiale; Si tratta di una pace che sta costando un sacco, una pace pagata con il proprio corpo. Ci ricorda che la pace saluto con la nostra famiglia, il nostro posto di lavoro, la nostra comunità ... non è sempre facile; anzi a volte è difficile. Ma Gesù, e noi con lui è un "guerriero" di pace", un coraggioso, che non ha paura di soffrire.

2) Joy: "I discepoli gioirono al vedere il Signore."
L'arrivo di Gesù con il suo saluto di pace, produce gioia. Come produce gioia l'arrivo di un amico; in quanto v'è la gioia in una famiglia o in una comunità in cui vi sia reciproca accettazione. Questa non è una gioia sciocco che nasconde le difficoltà, i problemi o anche i peccati; Non è la gioia di chi distorce la realtà o droghe con vino, la droga, i piaceri di ogni tipo o di un orgoglio inconsapevole e insensato.

È la gioia di chi si sente rispettato e rispetta; la gioia di chi si sente apprezzato e apprezzato; la gioia di chi sa amato amore libero e gratuito; la gioia di chi è riconosciuto come Figlio del Padre. E 'la profonda gioia di chi ha trovato significato nella sua vita, una missione che offrono i loro giorni e gli anni, anche se questo significa combattere e sofferenza. È la gioia di chi ha trovato in Gesù un amico leale, un insegnante affidabile, un Signore che vincere il male con il bene.

3) Il perdono: "Se si perdoniamo sarà perdonato."
La gioia del discepolo, come detto, non è incosciente o "perfetto", che mira a fare tutto bene. E 'la gioia di chi si impegna per essere perdonati e seminare perdono. Gesù instillato nella sua Chiesa lo spirito del perdono, della misericordia e della riconciliazione. Papa Francisco ha recuperato per il nostro tempo questo "principio di misericordia". La Chiesa non è lo spazio della legge o della frase; la Chiesa di Gesù è lo spazio della misericordia, la riconciliazione, dove è sempre possibile ricominciare da capo. Senza pietà, l'umanità è "invivibile", "irrespirabile", perché non siamo in grado di vivere unica legge alla fine. Abbiamo bisogno della misericordia, la pace, la gioia della fraternità .. e che solo in realtà si presenta come un frutto dello Spirito.

4) Missione: "Come il Padre ha mandato me, così io mando io."
Spazio di misericordia, la riconciliazione e la pace: la comunità dei discepoli, pacificato, perdonato, convertito in spazio per la pietà, comunità missionaria, mandato nel il mondo per essere nel mondo è fatto proprio questo. Quanto il nostro mondo ha bisogno di questo spazio! Quanto sia necessario per estendere il mondo queste comunità di discepoli a umilmente credenti, sono luoghi di saluto di pace, il perdono e la gioia profonda!

Padre Antonio Villarino
Bogotá
Fonte:http://lmcomboni.org

Post più popolari