Michele Antonio Corona"Va' e anche tu fa' così"

Commento su Luca 10,25-37
Michele Antonio Corona
XV Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (10/07/2016)
Vangelo: Lc 10,25-37 
Una parabola incastonata all'interno del dialogo tra un maestro e un dottore della Legge.

L'importanza di tale sottolineatura non è solamente stilistica, ma è programmatica: Gesù non inventa parabole per gusto letterario o artistico, ma esse sono la declinazione narrativa di ciò che vuole trasmettere.
La parabola risponde alla seconda domanda del dottore della legge, che in Luca presenta intenzioni provocatorie. "E chi è il mio prossimo?". Una questione molto dibattuta ai tempi di Gesù, dal momento che le molte correnti giudaiche e i rabbini offrivano ad essa risposte differenti. Alcuni consideravano prossimo solo gli stessi giudei, altri gli appartenenti al proprio partito, altri ancora aggiungevano tutti coloro che simpatizzavano per tradizioni e religiosità giudaica, alcuni ampliavano questo gruppo inserendovi anche pagani e, addirittura, nemici. La parabola di Gesù sembra porsi in questa ottica universale, dal momento che il coprotagonista è un samaritano, inviso ai giudei e soprattutto ai ferventi gerosolimitani.
Alla domanda del dottore della Legge dovremmo rispondere anche noi, evitando ogni definizione concettuale e ripensando al nostro modo di amare. Chi amo? Di chi mi prendo cura? Davanti a chi, come levita e sacerdote, "vado oltre" per non sporcarmi le mani o perché non vedo l'altro come prossimo? Forse, si potrebbe esemplificare la parabola attualizzandola in vari modi. Uno dei quali potrebbe essere trasformare la strada tra Gerusalemme e Gerico nelle rotte mediterranee di altri viandanti che si trovano minacciati e lasciati (mezzo) morti da trafficanti senza scrupoli.
Un altro modo è vedere quanti anziani rovistano tra gli scarti alimentari dei mercati per "tirare a campare un giorno in più". E come dimenticare quei padri di famiglia che si trovano in strada senza lavoro e senza un alloggio dopo aver visto sfaldarsi i legami familiari? Non è "mezzo morto" chi viene spogliato di tutto dalla mania del gioco d'azzardo o dall'alcool o dalla droga o da avidi usurai? Davanti a questi pochi esempi, cosa provo quando passo di fianco a queste persone?
"Se amate coloro che vi amano che merito ne avrete?", dirà Gesù altrove. Quell'uomo incappato nei briganti non sembra aver nulla da restituire al suo soccorritore. Per quale motivo il samaritano si ferma? Perché "provò compassione". Non basta essere fisicamente vicini, prossimi, per essere "misericordiosi come il Padre". Piuttosto, come Gesù davanti alla vedova di Nain ed il padre nella parabola del "figliol prodigo" è dirimente il provare compassione, cioè avere un cuore che sa battere, che sa amare, che sa prendere decisioni di vera prossimità.
Amare Dio e amare il prossimo non sono due direttive parallele, ma l'orizzonte di fondo entro cui si situano tutte le decisioni esistenziali. "Va' e anche tu fa' così".

Fonte:qumran2.net/

Post più popolari