padre Raniero Cantalamessa"A chi posso farmi prossimo, ora e qui?

A chi posso farmi prossimo, ora e qui?
padre Raniero Cantalamessa
XV Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) 
Vangelo: Lc 10,25-37
Ci siamo proposti, dicevo, di commentare alcuni vangeli domenicali ispirandoci al libro di papa
Benedetto XVI su Gesù di Nazaret. Alla parabola del buon Samaritano dono dedicate diverse pagine del libro. La parabola non si comprende se non si tiene conto della domanda alla quale con essa Gesù intendeva rispondere: "Chi è il mio prossimo?
A questa domanda di un dottore della legge, Gesù risponde raccontando una parabola. Nella musica e nella letteratura mondiale, ci sono degli "attacchi" divenuti celebri. Quattro note, disposte in una certa sequenza, e ogni intenditore esclama subito, per esempio: "Quinta sinfonia di Beethoven: il destino che bussa alla porta!". Molte parabole di Gesù condividono questa caratteristica. "Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico...", e tutti capiscono immediatamente: parabola del buon Samaritano!
Nell'ambiente giudaico del tempo si discuteva su chi doveva essere considerato, per un israelita, il proprio prossimo. Si arrivava in genere a comprendere, nella categoria di prossimo, tutti i connazionali e i proseliti, cioè i gentili che avevano aderito al giudaismo. Con la scelta dei personaggi (un Samaritano che soccorre un giudeo!) Gesù viene a dire che la categoria di prossimo è universale, non particolare. Ha per orizzonte l'uomo, non la cerchia familiare, etnica, o religiosa. Prossimo è anche il nemico! Si sa infatti che i giudei infatti "non mantenevano buone relazioni con i samaritani!" (cfr. Gv 4, 9).
La parabola insegna che l'amore del prossimo deve essere non solo universale, ma anche concreto e fattivo. Come si comporta il samaritano della parabola? Se il Samaritano si fosse accontentato di accostarsi e di dire a quel disgraziato che giaceva nel suo sangue: "Poveretto, quanto mi dispiace! Come è successo? Fatti coraggio!", o parole simili, e poi se ne fosse andato, non sarebbe stato tutto ciò un'ironia e un insulto? Lui fece dell'altro: "Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno".
La cosa però veramente nuova, nella parabola del buon samaritano, non è che in essa Gesù esige un amore universale e concreto. La vera novità, fa notare il papa nel suo libro, è altrove. Terminato di narrare la parabola Gesù domanda al dottore della legge che lo aveva interrogato: "Chi di questi tre [il levita, il sacerdote, il samaritano] ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti? ".
Gesù opera un capovolgimento inatteso rispetto al concetto tradizionale di prossimo. Prossimo è il Samaritano, non il ferito, come ci saremmo aspettati. Questo significa che non bisogna attendere passivamente che il prossimo spunti sulla propria strada, magari con tanto di segnalazione luminosa e a sirene spiegate. Tocca a noi essere pronti ad accorgerci che c'è, a scoprirlo. Prossimo è quello che ognuno di noi è chiamato a diventare! Il problema del dottore della Legge appare rovesciato; da problema astratto e accademico, si fa problema concreto e operativo. La domanda da porsi non è: "Chi è il mio prossimo?", ma: "A chi posso farmi prossimo, ora e qui?"
Nel suo libro, il papa fa un'applicazione attuale della parabola del buon samaritano. Vede l'intero continente africano simboleggiato dallo sventurato che è stato spogliato, ferito e lasciato mezzo morto ai margini della strada e vede in noi, membri dei paesi ricchi dell'emisfero nord, i due personaggi che passano e tirano diritto, se non addirittura i briganti che lo hanno ridotto così.
Io vorrei accennare a un'altra possibile attualizzazione della parabola. Sono convinto che se Gesù vivesse oggi in Israele e un dottore della Legge gli chiedesse di nuovo: "Chi è il mio prossimo?" cambierebbe leggermente la parabola e al posto di un samaritano metterebbe un palestinese! Se poi a interrogarlo fosse un palestinese, al posto del samaritano troveremmo un ebreo!
Ma è troppo comodo limitare il discorso all'Africa o al Medio Oriente. Se fosse uno di noi a porre a Gesù la domanda: "Chi è il mio prossimo?", cosa risponderebbe? Ci ricorderebbe certamente che il nostro prossimo non è solo il connazionale, ma anche l'extracomunitario, non solo il cristiano, ma anche il musulmano, non solo il cattolico, ma anche il protestante. Ma aggiungerebbe subito che non è questa la cosa più importante; la cosa più importante non è sapere chi è il mio prossimo, ma vedere a chi posso io farmi prossimo, ora e qui; per chi posso essere io il buon samaritano.

Fonte:qumran2.net