fra Damiano Angelucci, "La prospettiva degli ultimi"

Commento al Vangelo della XXII Domenica del Tempo Ordinario; 28 agosto 2016
La prospettiva degli ultimi
TESTO ( Lc 14,1. 7-14 )
Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano ad
osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».


COMMENTO

Da una considerazione pratica ad un insegnamento di vita. Il consiglio di scegliere l’ultimo posto viene dato da Gesù per un possibile vantaggio da conseguire e per un possibile rischio da evitare. E’ meglio scegliere l’ultimo posto con la possibilità che qualcuno di faccia andare avanti piuttosto che il rischio di dover retrocedere dopo aver scelto posti più di riguardo.

Dietro tale praticità c’è però la verità dell’uomo chiamato a partecipare alla festa di nozze del Signore Gesù dove chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato. La festa dell’incontro di Dio con l’uomo può essere gustata e vissuta dall’angolo visuale particolare e privilegiato degli ultimi, di quelli che siedono in fondo alla tavola, di quelli che apparentemente sono più lontani dal festeggiato e ai quali invece nel corso della festa sarà chiesto di avanzare e di avvicinarsi.

A Pietro scandalizzato dall’annuncio della passione, Gesù risponde di andare “dietro” perché i suoi pensieri sono secondo il mondo e non secondo Dio. Invece alla festa dell’incontro tra la misericordia di Dio e l’uomo si partecipa in pienezza, da vicino, potremmo dire in prima fila, se si assume la collocazione degli ultimi, perché in definitiva questa è la collocazione umana e storica scelta da Dio fattosi uomo.

Per questo stesso motivo per chi vuole condividere la propria gioia con altri è preferibile rivolgersi ai nulla tenenti che non avranno nulla da dare in cambio. Una festa umana, anche intesa nel senso ampio di più interessanti possibilità economiche o collocazioni sociali,  potrà essere occasione di una più grande gioia, perché adottando la scelta di Cristo Gesù che si colloca tra i meno potenti, tra quelli che meno possono, si potrà godere del suo stesso itinerario di Gloria, lui che “pur essendo di condizione divina, … spogliò stesso assumendo la condizione di servo, e umiliò se stesso fino alla morte di croce” . Proprio per questo Dio lo ha esaltato.

Fonte:http://fradamiano.blogspot.it/

Post più popolari