PANE QUOTIDIANO, «Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra?»

La Liturgia di Domenica 14 Agosto 2016:  VANGELO (Lc 12,49-53) Commento:«Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra?»
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».
Parola del Signore
«Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra?»
Rev. D. Isidre SALUDES i Rebull 
(Alforja, Tarragona, Spagna)
Oggi, -dalle labbra di Gesù- ascoltiamo delle dichiarazioni scioccanti: «Sono venuto a portare il fuoco sulla terra» (Lc 12,49), «Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione» (Luca 12:51). Perché la verità crea divisione verso la bugia, la carità verso l’egoismo, la giustizia verso l'ingiustizia ...

Nel mondo -e in noi- c’è mescolanza di bene e di male, e dobbiamo prendere parte, scegliere, essendo consapevoli del fatto che la fedeltà è “scomoda”. Sembra più facile di temporeggiare, ma, allo stesso tempo, è meno evangelico.

Siamo tentati di fare un "vangelo" ed un"Gesù" a misura nostra, secondo i nostri gusti e passioni. Dobbiamo convincerci che la vita cristiana non può essere una mera routine, "arrangiarsi" senza un impegno costante per migliorare e cercare la perfezione. Benedetto XVI ha affermato che «Gesù Cristo non è una semplice convinzione privata o una dottrina astratta, ma una persona reale il cui ingresso nella storia è capace di rinnovare la vita di tutti».

Il supremo modello è Gesù (dobbiamo “avere lo sguardo fisso su di lui”, soprattutto nelle difficoltà e persecuzioni). Egli ha accettato di buon grado il supplizio della Croce per riparare la nostra libertà e recuperare la nostra felicità: «La libertà di Dio e la libertà dell'uomo si sono definitivamente incontrate nella sua carne crocifissa» (Benedetto XVI). Se ricordiamo Gesù, non ci lasceremo abbattere. Il suo sacrificio è l'opposto alla tiepidezza spirituale nella quale spesso noi ci accontentiamo.

La fedeltà esige di coraggio e di lotta ascetica. Il peccato e il male ci tentano continuamente: perciò s’impone il combattimento, lo sforzo coraggioso, la partecipazione alla Passione di Cristo. L'odio al peccato non è dunque pacifico. Il regno dei cieli richiede sforzo, lotta e la violenza su di noi stessi, e coloro che fanno questo sforzo sono quelli che lo conquistano (cfr Mt 11,12).
evangeli.net

don Luciano Sanvito
La spada della Pace

Chi può dunque illuminare il tracciato della Verità?
Risultati immagini per il Verbo fattosi carneColui che non bada agli accomodamenti umani, alle relazioni interessate dal sangue e limitate in esso; solo così sboccia la Pace Universale, quella che come raggio trapassa ogni persona senza mai legarsi a nessuna, proprio come i raggi del sole.La spada della divisione opera anche una formazione (mentre la falsa pace è sempre deformazione): quella della interpretazione del segno, resa possibile a chiunque sceglie di risistemare se stesso alla luce del Vero, del Vivo e del Presente in atto sulla storia: il Verbo fattosi carne.

Post più popolari