PANE QUOTIDIANO, «Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare»

La Liturgia di Domenica 2 Ottobre 2016  VANGELO (Lc 17,5-10) Commento:Rev. D. Josep VALL i Mundó (Barcelona, Spagna)
In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!».

Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.
Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti?
Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».
Parola del Signore
«Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare»
+ Rev. D. Josep VALL i Mundó 
(Barcelona, Spagna)
Oggi, Cristo parla ancora una volta di servizio. Il Vangelo insiste sempre sullo spirito di servizio. A quello ci aiuta contemplare il Verbo di Dio fatto carne -servo di Jahvè, Isaia- che «spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo» (Fil 2,2-7 ). Cristo ha detto anche: «Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve» (Lc 22,27), perché «appunto come il Figlio dell'uomo, che non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti» (Mt 20, 28). In una occasione, l' esempio di Gesù si materializzò facendo il lavoro di uno schiavo lavando i piedi ai suoi discepoli. Ha voluto lasciare così in modo chiaro, con questo gesto, che i suoi seguaci dovevano servire, aiutare e amarsi gli uni agli altri, come fratelli e servitori di tutti, come propone la parabola del Buon Samaritano.

Dobbiamo vivere la vita cristiana con un senso di servizio senza pensare che stiamo facendo qualcosa di straordinario. Tutta la vita di famiglia, professionale e sociale -nel campo politico, economico, ecc.- deve essere permeata di questo spirito. «Per servire, servire» diceva san Josemaría, che intendeva spiegare che per “essere utile”, si deve vivere una vita di servizio disinteressato senza cercare onori, gloria umana o applausi.

Gli antichi rivindicavano il “nolentes quaerimus” -«cerchiamo per posizioni di governo a coloro che non aspirano a tali; a coloro che non vogliono apparentare»- quando si doveva fissare nominazioni gerarchiche. Questa è l' intenzionalità dei buoni pastori disposti a servire la Chiesa come lei vuole essere servita: assumere la condizione di servi, come Cristo. Ricordiamo, secondo le celebri parole di sant'Agostino, come deve essere esercitata la funzione ecclesiale: «Non tam praeesse quam prodesse»; non tanto col comando o la presidenza ma, piuttosto, con l’utilità e il servizio.
evangeli.net 
La voce di un teologo abate di Montecassino
Risultati immagini per Bruno di SegniSono un servo inutile, ho fatto solo ciò che dovevo fare. Infatti, poiché il servo fa il suo ufficio per dovere e per necessità, il padrone non gli deve nessuna gratitudine, se egli fa ciò che gli viene comandato. Così noi quando osserviamo i comandamenti. Via, dunque, la superbia, la vanagloria, il fumo della mente, e inginocchiamoci tra gli umili servi inutili.                                                 Bruno di Segni


Post più popolari