don Giacomo Falco Brini "Il Re si ricorda di te"

Il Re si ricorda di te
don Giacomo Falco Brini  
XXXIV Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) - Cristo Re (20/11/2016)
Vangelo: Lc 23,35-43 
Hanno appena finito di crocifiggere Gesù. Il forte trambusto diffusosi lungo tutto il calvario si
tramuta in agitazione carica di attesa. Il Rabbi è appeso, sfinito e impotente, al legno maledetto (cfr. Dt 21,23), in un mare di sofferenza. Il Benefattore è stato messo nel posto del malfattore: è condannato al supplizio più ignominioso che si conoscesse allora. Dirà o farà qualcosa da lì?
Il popolo stava a vedere (v.35). Cosa vedeva? Come stava a vedere? Come tutti coloro che, sempre guardinghi, vivono osservando gli altri dai balconi sicuri delle proprie idee. Come tutti quelli che son sempre a sbirciare dalla tendina di una finestra, guardando cosa stanno dicendo e facendo gli altri, come lo stanno dicendo e come lo stanno facendo, sempre attenti a non sporcarsi le mani, ma piuttosto attendendo il momento propizio per criticare a oltranza. Come tutti quelli che spiano il parlare e l'agire altrui, per coglierli in fallo, guardandosi però dall'uscire per primi allo scoperto. Come tutti quelli che si aspettano sempre una prova in più per potersi fidare di qualcuno, perché si fidano solo di se stessi. O come tutti quelli che si accomodano opportunisticamente su interpretazioni della realtà offerte da altri, in genere di persone che contano, ossia quando "salire sul carro con tutti è più rassicurante e da meno responsabilità". Oppure come tutti quelli che oggi assistono alla morte atroce di migliaia e migliaia di esseri umani inghiottiti dal mare, senza essere minimamente toccati dal loro dramma e anzi prodigandosi a chiudere i propri e gli altrui occhi, alla ricerca di nuove giustificazioni. Come...
I capi invece deridevano Gesù dicendo: "ha salvato gli altri! Salvi se stesso se è lui il Cristo di Dio, l'eletto" (v.36). Le autorità religiose, non contente dell'improvvisato e falso processo contro di Lui, non sono sfiorate da alcun dubbio. Anzi, raggiungono il colmo: lo scherniscono anche nel suo orribile supplizio. Se Gesù è veramente quello che tutti aspettiamo, scenderà dalla croce e dimostrerà a tutti chi veramente è. Perché il messia, se è tale, non può che essere uno che sbaraglia i suoi nemici lasciando tutti a bocca aperta. L'eletto di Dio, o è così, o non lo è. Se si salverà la pelle, gli crederemo!
Gesù ode un misterioso ritorno di parole: se tu sei il Figlio di Dio, buttati giù; sta scritto infatti "ai suoi angeli darà ordine per te, perché essi ti custodiscano, essi ti sosterranno con le mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra" (Lc 4,9b.10-11). Ma Gesù non parla. Non scende. E nemmeno gli angeli scendono dal Cielo a soccorrerlo.
Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell'aceto e dicevano: "se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso" (vv.36-37). I soldati, presenza dell'autorità politica dominante, aggiungono altra derisione a quella dei capi religiosi. Vediamo se veramente è un re, come dice quella scritta appesa in cima alla croce (v.38). Se lo è, si salverà la pelle, come fanno tutti i re e i dominatori di questo mondo. Infatti, quando le cose si mettono male, non sono forse i primi a darsela a gambe? Non sono forse i primi a mettere al sicuro se stessi e la propria famiglia con le proprie ricchezze? Bene, allora se questo Gesù è un re, non può continuare a star lì, ma scenderà da lì. I veri re, sanno sempre come cavarsela; avranno sempre con loro mezzi, soldati, sudditi e territori su cui regnare.
A Gesù ritornano all'orecchio altre parole: ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni, perché è stata messa nelle mie mani e io la do a chi voglio. Se ti prostri dinanzi a me, tutto sarà tuo (Lc 4,6-7). Ma il Signore rimane lì. Non parla e non scende. Nessun potere, nessuna gloria, nessuna guardia del corpo, nessun possesso da difendere e mettere al sicuro.
Il malfattore alla sinistra prende affannosamente la parola. Anche lui lo insulta: non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi! (v.39). La voce del malfattore esplicita il pensiero del popolo pusillanime e sordo che sta guardare, riecheggiando quella dei capi e dei soldati. Se Gesù è il messia, adesso deve salvarsi e deve salvare anche noi. Perché crediamo (e vogliamo) solo a un Dio che ci salvi da tutte le esperienze di morte: dalla malattia e dal terremoto, dall'incidente stradale e dalla morte casuale, dalla cattiveria dei violenti come da quella dei politici ladri e ingiusti, da ogni delusione d'amore e da qualsiasi tracollo della salute e dell'economia, da ogni dolorosa perdita e da tutto ciò che ci fa soffrire. Perché se Dio esiste, deve fare questo mestiere. Altrimenti non è Dio! Altrimenti quell'uomo lì che pende dal legno, che dice di essere il figlio inviato da Dio, è un impostore! Ma Gesù non parla. Non scende dalla croce. Non mette in salvo la sua vita. Eppure, sta salvando la nostra: mors mea vita vestra.
Ecco, anche il malfattore alla destra ha qualcosa da dire. L'atroce sofferenza che l'avvolge non gli ha impedito di ascoltare le parole sprezzanti rivolte a Gesù: perché così tanto accanimento? Sente provenire gli insulti anche dall'altro malfattore, ora non riesce più a trattenersi: non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; Egli invece non ha fatto nulla di male (vv.40-41).
Finalmente, il Figlio di Dio ha trovato un difensore! Tardi, ma l'ha trovato. Quel giorno, non si trovò una voce che lo difendesse al di fuori di un delinquente! Sembra che Dimas (nome tradizionalmente attribuito nella chiesa al "buon ladrone" del vangelo di Luca) intraveda qualcosa che gli altri non vedono. Dalla bocca di Gesù nessuna parola offensiva, nessuna maledizione. Come mai? Gesù resta lì con loro, nella tortura di quel supplizio, e non cerca di salvarsi. C'è qualcosa che non quadra. Perché tutti lo hanno abbandonato? Cosa ci fa a patire quell'inferno insieme a loro due? Non dovrebbe essere lì! Qualcosa sul volto sfigurato del Signore si trasfigura agli occhi del ladrone. Ora Dimas vede l'Invisibile e ode l'Inaudito. Ora, dopo aver proferito l'innocenza del Signore e la propria colpa nel male, Dimas vede quelle cose che occhio mai vide e che orecchio umano mai udì, quelle cose che mai entrarono in cuore di uomo e che Dio ha preparato per quelli che lo amano (1Cor 2,9). Dalle profondità del suo cuore sorge la misteriosa sapienza che s'impara solo sul legno della croce. Ora Dimas vede chiaramente, accanto a sé, un Re:
Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno (v.42)
Gli chiede una sola cosa: di non essere dimenticato. Perché non c'è nulla che fa soffrire maggiormente l'animo umano più del sentire di non essere nel cuore di nessuno. Il buon ladrone si slancia verso Gesù con fiducia, lo chiama per nome, è sicuro che quel suo regno esiste: forse ci sarà un posticino anche per lui. Ricordo ancora (dicembre 2008) la prima volta che lasciai la popolazione peruviana, dopo quasi 6 anni tra loro; ricordo il volto e le parole di quei poveri che salutavano benedicendomi: "padre Giacomo... per favore, non dimenticarti di noi!". E come dimenticare? Se io che sono solo un peccatore non posso dimenticarli, può forse Dio dimenticarsi di chi gli chiede con fiducia di ricordarsi? Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se esistessero donne così, io invece, non ti dimenticherò mai (Is 49,15).
E Gesù gli rispose:
In verità io ti dico: oggi stesso sarai con me nel paradiso (v.43)
"Oggi io, il Signore elevato sulla croce, mi sono abbassato fino all'inferno per essere vicino ad ogni uomo. Entro nella morte, perché tutti possano riavere la vita. Tu sarai con me, perché io, l'Emmanuele, sono con te. Sono ormai ovunque, come puoi vedere. Tu non sei stato con me, sei fuggito lontano. E io sono venuto lontano con te, fin qui sulla croce. Voglio infatti stare con te perché tu possa stare con me. Ora concludo una alleanza nuova, come la nostra amicizia, che comincia oggi. Essa è eterna come la mia fedeltà, più forte della morte. E questo è il paradiso, perché sono io la tua vita. Adamo scappò da esso perché credette alla menzogna. Ora che mi vedi vicino e non puoi e non vuoi più fuggire, conosci la verità di me e di te. Siamo di nuovo l'uno con l'altro. Sono venuto con te sulla croce perché tu tornassi con me nel mio regno. Ora che la tua paura di me è cessata e legata, vedi che il mio amore per te è crocifisso e inchiodato. Non si allontanerà mai da te; e tu non sarai più lontano da me..." (P.Silvano Fausti S.I.)
Dimas, il "buon ladrone", mio unico santo protettore, ha un messaggio perenne da dare anche a te che hai letto oggi il vangelo; a te che hai avuto la pazienza di leggere questo lungo e povero commento: non aver paura, il Re si ricorda di te.

Fonte:http://www.qumran2.net/