PADRE TIZIANO SOFIA,L'UMANITA' HA URGENTE BISOGNO DI UN RE PASTORE CRISTO RE CHE LA DIFENDA DAI LUPI

20 novembre 2016 | 34a Domenica: Cristo Re - T. Ordinario - Anno C | Omelia
L'UMANITA' HA URGENTE BISOGNO 
DI UN RE PASTORE CRISTO RE
CHE LA DIFENDA DAI LUPI

L'umanita è spaventata, terrorizzata. Non esiste nessun posto sicuro. Ci sentiamo indifesi. Abbiamo
bisogno di un braccio forte e di una mano amica. Da dove viene il nostro aiuto? Da COLUI CHE HA FATTO CIELO E TERRA: IL SIGNORE GESU' CRISTO, Re e Pastore.

- C'è una guerra aperta, "a macchie di leopardo" dice Francesco.
- C'è guerra all'interno della Unione Europea: guerra civile.
- C'è guerra all'interno dell'Italia, tra partiti e partiti.
- C'è guerra tra cittadini ricchi e poveri, tra uomini e donne.
- Siamo razzisti, pur essendo tutti di origine straniera.
- C'è insicurezza all'interno della famiglia, moribonda nell'amore.
- I grandi stati si armano sempre di più. Una scintilla...
URGENZA MASSIMA: UN RE DI PACE, ma che abbia un buon vincastro da una parte e una mano amica dall'altra.
IL VINCASTRO: è fatto con rami di salice piangente, facilmente maneggiabile da verde; durissimo da secco. II vincastro del pastore ha una curva ben nota a tutti all'impugnatura, che serve eccome quando arriva il lupo ad afferrarlo per il collo per immobilizzarlo. II pastore esperto afferra il vincastro per la punta e con destrezza blocca il lupo con la curva, fino a immobilizzarlo.

CRISTO HA IL SUO VINCASTRO DA PASTORE

E' da 2000 anni che fa il Pastore, quindi sa bene il suo mestiere. Sono già passate quasi 40 generazioni, e quante pecore ha salvato da molti lupi rapaci! Chissà quante pecore sono già sicure nel suo ovile del Cielo!
Ma se le pecore si moltiplicano, lo stesso è per i lupi: ci sono sempre stati, famelici e feroci. E il BUON PASTORE LO SA.
BUON PASTORE? Non riesco a pensare a un pastore sdolcinato, immobile e sereno con una pecorella sulle spalle. Penso a un pastore vestito di pelli, irsuto, scapigliato, sporco, puzzolente di pecore, occhi attentissimi e guardinghi. Sa che i lupi possono attaccare, ma travestiti con pelli di pecore sbranate.

Nessun lupo si presenta da lupo.
I "lupi della TV" sono affascinanti;
i registi della violenza e della de-moralizzazione sono furbissimi, sorridenti, persuasivi.
I "lupi della moda sempre più sfacciata" sono diabolici.

Ognuno di noi ha dentro di sé un lupo nascosto, ma aggressivo.
Lupi tra gli sposati, nelle famiglie;
lupi nella politica;
lupi persino in Vaticano.

Ma Cristo ha messo dentro di noi il suo Spirito, che ci difende, fino ad eliminare il nostro lupo dell'egoismo, della superbia, della disonestà e della disgregazione. Penso a Paolo...

Cristo ha i suoi aiutanti pastori: Papa, vescovi, sacerdoti, genitori. A tutti chiede dedizione fino al sacrificio della vita; chiede impegno senza intervalli, senza "ferie", senza compensi.

II nostro RE PASTORE, MESSIA, SALVATORE, SERVO DI DIO....

.... FIGLIO DELL'UOMO, FIGLIO DI DIO ha le carte in regola per esserlo: e fu un ROMANO a dichiaralo pubblicamente, Pilato.

Iesus
Nazarenus
Rex
ludeorum
E sulla croce il Signore incontrò il suo vero trono di vincitore, di PASTORE CHE DA' LA SUA VITA PER LE PECORELLE, quelle dell'ovile e quelle scappate e diventate LUPI.
Una prova: il primo ad entrare nel Regno dei Cieli insieme a Gesù fu un lupo diventato agnello: UN LADRO OMICIDA TRASFORMATO IN AGNELLINO DEL CIELO. Ecco la rivincita del nostro Pastore. Ed è bastato uno sguardo e una considerazione:
Se quel condannato in croce era tanto buono, non reagiva, non malediva nessuno, anzi pregava per i crocifissori e una folla di "lupi" ai suoi piedi, davvero era RE dell'AMORE!
E fu premiato: OGGI SARAI CON ME IN PARADISO!

Ecco cosa fa per noi il nostro Re Pastore:

- ci libera dal potere delle tenebre perdonando tutto
- ci trasferisce nel suo regno dandoci la Luce
- Dio suo Padre lo dichiara FIGLIO SUO, quindi Dio
- Ci tiene in esistenza costantemente
- Tutto e tutti sono sotto il suo divino potere
- Ci attrae con una potenza unica al mondo per fare di tutti gli uomini della storia UN SOLO GREGGE.
- Ci alimenta e ci sazia con Pane e Vino, Corpo e Sangue, Parola e preghiera
E noi sue pecorelle?

II minimo che possiamo fare è ringraziarlo con una vita di obbedienza, andando a pascolare dove Egli ci porta, bevendo acque salubri scelte da Lui.
Ed ecco i Sacramenti, forti segni della sua regalità in azione:

con il battesimo ci fa entrare nel suo gregge
con la cresima ci mette il sigillo di sua proprietà
con I'Eucaristia ci offre pascoli verdi e ruscelli
con il matrimonio rende fecondi i genitori per Lui
con la penitenza ci cura le ferite lievi o mortali
con l'ordine sacerdotale ci dona pastori aggiunti
con I'unzione degli infermi ci rafforza nella lotta finale contro il lupo-capo, il demonio.
Che gran Buon Pastore ci ha donato iI Padre! Da amare di cuore.

Padre Tiziano SOFIA sdb
 Fonte:  www.donbosco-torino.it

Post più popolari