PARROCCHIA S.MARIA DEGLI ANGELI“Ricordati di me…”

Omelia FESTA DI CRISTO RE ANNO C 2016
S.Messa prefestiva
La festa di Cristo Re non è soltanto la domenica che ci separa dall’inizio del tempo dell’Avvento, la
Chiesa ci invita a riflettere sul perché noi abbiamo scelto di seguire Lui.
Un re è l’ideale che l’uomo cerca. A volte noi paragoniamo questo ideale ad un qualcosa che soddisfi le nostre necessità o i nostri bisogni. Voglio essere dottore perché voglio curare gli ammalati, voglio essere potente per poter dimostrare la mia superiorità o per aiutare chi non ha lavoro, ecc…
La regalità di Cristo sconvolge i nostri ideali: ” Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». ”
Il buon ladrone, Disma secondo la tradizione, vede in Gesù la risposta ad un bisogno principale: la salvezza.
Avrebbe potuto dire”Liberami”, come ha chiesto, invece, l’altro ladrone. «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!» oppure concedimi la forza di non soffrire, ecc…” Eppure egli, il Buon Ladrone,, ha chiesto ciò che vale, ciò che Cristo è:”La redenzione”.
Come abbiamo ascoltato dalla 1^ lettura:”Tu pascerai il mio popolo Israele”, Cristo ha cura dell’uomo perché non si perda.
Un pastore guida e si prende cura del gregge.
Egli va in cerca della pecorella smarrita, cura l’uomo assalito dai briganti, accoglie il figlio perduto, ridona la vista ai ciechi e la guarigione ai lebbrosi.
Va ancora oltre a tutto questo. Non ama l’uomo solo dandogli la guarigione del corpo, ma al salvezza. E per condividere pienamente questo dono, chiede la nostra volontà, la nostra libertà.
Seguire Cristo, è vivere per Lui.
Ad un matrimonio di quest’anno, agli sposi riportavo questa espressione di Claudel:” E perché tormentarsi quando è così semplice obbedire? Rinunciare al proprio progetto per aderire totalmente a una vita che tutto alimenta e genera”.
Dove ritrovare il segno dell’affidamento a Cristo?
Una volta ho letto un breve romanzo sul buon ladrone in cui l’autore, alla fine, riportava questa espressione:”Se facciamo attenzione, la domanda del ladrone è senza punto interrogativo. Infatti dice “Ricordati di me…”
Non aspetta una risposta affermativa o negativa, alla sua richiesta.
Noi spesso, come ripeto più volte, viviamo la fede preceduta dai dubbi o mancanza di fiduica:“ma, forse, però, vedremo, ecc…”
Nelle nostre preghiere, chiediamo al Signore la Grazia di poter sempre dire invece:”Ricordati…”cioè non mi abbandonare. Ma come può un Padre abbandonare il figlio che tanto ama? “«In verità io ti dico: Oggi con me sarai nel Paradiso».
Ecco la dolcezza della misericordia, cioè la certezza che Dio è.

Fonte:http://www.guardavalle.net/

Post più popolari