Monsignor Nunzio Galantino"ECCO LA SERVA DEL SIGNORE, IN LEI LA PAROLA SI È FATTA CARNE"

ECCO LA SERVA DEL SIGNORE, IN LEI LA PAROLA SI È FATTA CARNE
Solennità dell’Immacolata Concezione della B.V. Maria, 8 dicembre 2016

Celebriamo oggi l’Immacolata Concezione di Maria. A metà dell’Avvento, quasi una sosta in
compagnia della Madonna, per gioire con lei dei doni di grazia che il Signore le ha riservato. “Nostra madre e sorella”, Maria è stata amata da Dio in un modo del tutto unico e questo amore ha trovato in lei una risposta totale. La sua “immacolata concezione” – cioè l’essere stata salvata da ogni peccato fin dal concepimento – indica che Maria è l’unica creatura che ha potuto sperimentare fin dall’inizio la salvezza di Dio, diventando per noi modello concreto dell’umanità redenta e immagine di speranza sicura per il genere umano.
Ma ciò che Lei ha ricevuto in dono in modo singolare (fin dal suo concepimento) è anche la promessa che Dio realizza in ciascuno di noi con la grazia del Battesimo, per il quale diveniamo anche noi figli di Dio, come ci ricorda S. Paolo: “In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante Gesù Cristo”.
Maria dunque è “la piena di grazia”, cioè Colei che è “colma del dono di Dio”. Ma per essere “colmati” prima occorre fare spazio, svuotarsi, farsi da parte. Proprio come ha fatto Maria, che ha saputo mettersi in ascolto della Parola e fidarsi dell’iniziativa di Dio, accogliendo senza riserve nella sua vita le proposte di Dio. Tanto che in Lei, la Parola “si è fatta carne”.
È proprio la scena dell’Annunciazione a farci comprendere la profondità del “SI” di Maria a quanto Dio le propone. “Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola”. Quanto è autentica e concreta l’adesione di Maria! Non si perde in chiacchiere, in mille ragionamenti, non frappone ostacoli al Signore. Con decisione e prontezza si fida e lascia spazio all’azione dello Spirito Santo. Mette subito a disposizione di Dio tutto il suo essere e la sua storia personale, perché sia la sua Parola a plasmarli e realizzarli compiutamente. Una scelta di fecondità, che porta frutto e vita, che diviene “luogo” dell’Incarnazione, che dona al mondo Gesù.
Ma vale la pena sottolineare anche la prospettiva che Maria sceglie per connotare il suo “consegnarsi” all’amore di Dio, definendosi “la serva del Signore”. Il SI di Maria a Dio diventa quindi servizio, attenzione alle necessità altrui, disponibilità ai bisogni del prossimo e della comunità. Tutto questo senza clamori o “sbandieramenti”, senza “posti d’onore”, senza “celebrazioni”.  Al contrario, i Vangeli ci raccontano una presenza di Maria contrassegnata da grande discrezione e dal nascondimento.
Così, Maria diviene per noi oggi una proposta, un progetto da vivere. Approfittiamo dunque di questa Festa per imparare da Lei a rinnovare il nostro SI a Dio, perché anche in noi possa compiersi la sua Parola.

 Solennità dell’Immacolata Concezione della B.V. Maria, 8 dicembre 2016

Post più popolari