padre Gian Franco Scarpitta"Con Maria verso l'avvenire"

Con Maria verso l'avvenire
padre Gian Franco Scarpitta  
Maria Santissima Madre di Dio (01/01/2017)
Vangelo: Lc 2,16-21 
"Nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge"(Gal 4,4). Così
Paolo descrive il Cristo venuto nella carne, che è entrano nella storia umana, uomo fra gli uomini. "Nato da donna" è espressione spesso adoperata dalla mariologia per dare risalto a Maria Madre del Dio fatto uomo e alla sua figura di modello e di maternità anche per noi. A mio avviso, la frase si limita semplicemente a riferire l'elemento estremamente terreno, carnale che Cristo ha voluto assumere immedesimandosi nella nostra condizione. Anche lui, cioè, come uomo è nato da una donna, è stato concepito carnalmente pur restando Figlio di Dio, ha assunto forma umana prendendo carne da un soggetto femminile. Tutto questo non pregiudica però che egli si sia sottomesso a maternità sia in quanto Dio che in quanto Uomo. Entrando a far parte dell'umanità, Cristo da Figlio di Dio è diventato Figlio dell'Uomo, mantenendo intatta la sua divinità ma vivendo come uomo la vita divina. In altre parole è rimasto sempre, in ogni caso, vero Dio e vero Uomo. Di conseguenza ecco la figura di Maria in relazione a questa sua condizione: la Vergine è Madre di Dio in quanto Madre del Dio che si era incarnato, del Dio che si faceva uomo.
Nell'incarnazione avviene che Dio diventa uomo, condivide con noi la nostra natura, fa ingresso nella nostra storia senza violarla, ma percorrendone tutte le tappe e sperimentando quanto di più umano possa essere esperibile. Egli però non rinuncia ad essere Dio, ma semplicemente unisce la natura umana e la natura divina, in una solta Persona (Ipostasi). Come descrive Sant'Agostino, nel Figlio di Dio vi sono effettivamente due nascite: la prima è quella eterna, per la quale egli è "generato, non creato", l'altra è invece temporale e in essa a Betlemme egli viene concepito di Spirito Santo nella carne nel grembo di Maria. Di conseguenza, Maria è Madre di Dio, cioè del Dio che si fa uomo fatta salva la sua divinità.. Ella è madre del Dio fattosi carne allo scopo di apportare la nostra salvezza. Nell'incontro con Maria Elisabetta riconosce in lei la Madre del Verbo: "A che debbo che la madre del mio Signore venga a me" (Lc 1, 48) professando così la fede nel Dio che si incarnava per la salvezza degli uomini e riponendo nella stessa Madre del Verbo tutte le sue speranze e fondando anche tutte le sue attese.
Andando oltre, avviene però che la maternità di Maria non resta affatto un tesoro geloso che la Vergine custodisce per sé o limita al proprio Figlio. Come deliberatamente affermò Paolo VI in una certa occasione del Concilio Vaticano II, Maria essendo Madre di Cristo (Dio - Uomo) è anche Madre della Chiesa, poiché noi tutti, battezzati, formiamo con lui un unico Corpo. Madre quindi della Chiesa in quanto Madre del Capo (Cristo) che è sempre unito alla sue membra (i battezzati cristiani). Di conseguenza Maria estende la sua maternità anche a ciascuno di noi, che ci sentiamo ulteriormente sospinti a progredire in forza di una speciale protezione e di un imput che ci sprona a fare di meglio. La presenza di una Madre celeste non può che incutere coraggio e non può che animarci e guidarci verso i sentieri di vita, fiduciosi nell'avvenire.
Particolarmente in questo anno incipiente 2017, la Madre del Signore ci da un saggio particolare della sua intercessione, perché ci invita a coltivare speranze e attese per progetti che intraprenderemo per i prossimi mesi, e la sua intercessione materna mentre ci rassicura ci invita anche a cercare sempre lo stesso Cristo Signore in ogni ambito, a rivolgere costantemente l'attenzione verso il Dio Amore che non manca mai di guidarci chiamandoci alla comunione con sé. La Madre di Dio rivaluta ancora una volta, del resto, la verità che Dio assume la sua umanità fino in fondo, sottomettendosi con umiltà e senza riserve a una madre terrena dalla quale avverte la necessità di dover apprendere e dalla quale essere guidato costantemente.
In questa ottica di gioia e di speranza, auguro a tutti un FELICE E PROSPEROSO ANNO 2017.

Fonte:http://www.qumran2.net/

Post più popolari