Abbazia Santa Maria di Pulsano, LectioDivina“siate perfetti come il Padre”

Domenica del “siate perfetti come il Padre”
VII Domenica del Tempo Ordinario, Anno A
Mt 5,38-48;  Lv 19,1-2.17-18;  Sal 102;  1 Cor 3,16-23
Prima dell’annuncio di Gesù (cf. evangelo) c'era stato, all'interno della stessa economia della
salvezza, un tentativo di dialogo interumano, a partire dal comandamento di Dio, nel quale la reciprocità però non arrivava a porsi che in termini di logica «matematica» (cf. prima lettura): in termini di botta e risposta, occhio per occhio e dente per dente.
In questa economia si parlava già di un uomo «prossimo», ma costui non era altri che quello che stava più vicino, uno col quale si potesse avere una certa affinità, come base alla reciprocità del rapporto: uno del proprio popolo. Era già un inizio di «santità», un primo passo nell'interminabile cammino di sequela di Dio; una conversione dalla mentalità di Caino, di Lamec (Gen 4,24), e dello stesso Abramo (Gen 13,9), che arrivava al massimo alla non-violenza verso il fratello, a lasciargli uno spazio per vivere la sua vicenda isolata, purché non gli desse fastidio.
Ma anche questa reciprocità doveva rivelarsi incompleta e, in ultima analisi, illusoria. L'amore che limita il raggio della «prossimità» dell'altro, l'amore che in qualche modo crea separazioni e privilegi, inevitabilmente degenera verso il sentimento di casta. Già i profeti di Israele lo avevano intuito e avevano anticipato nella speranza, rivoluzionaria all'orecchio dei contemporanei, il tempo della manifestazione dell'amore aperto a tutti (cf. Is 65,1ss.; 56,3ss.).
Oggi, Gesù arriva come un «ma» che rovescia tutte le bilance. La catena di tutte le contrapposizioni enumerate nella pericope evangelica di oggi, non è che una esemplificazione concreta, che nel linguaggio quotidiano della gente che udiva Gesù doveva avere un suono molto vivo, immediatamente significativo e comprensibile in tutta la sua urgenza. E non è da dire che anche oggi non debba e possa suonare nuovo, inconsueto, imbarazzante l'annuncio di Gesù: che anche oggi gli uomini anche «prossimi» di Gesù non debbano essere raggiunti di nuovo dalla sua parola evangelica, dal suo comandamento che si rende percepibile prima di tutto come gesto di salvezza (Dio è infatti il primo e fondamentale «prossimo» dell'uomo, origine di ogni creativa prossimità interumana).
Il prossimo (cfr Lc 10,37) non è colui che ti è vicino, che ti è pari, ma colui che tu avvicini, che tu riscopri come tuo pari: anzi, che tu ricrei come tuo amico e fratello; e in questo stesso movimento tu stesso ti trovi ricreato come uomo vivo.
Antifona d’Ingresso Sal 12,6
Confido, Signore, nella tua misericordia,
Gioisca il mio cuore nella tua salvezza,
canti al Signore che mi ha beneficato.

Come l’orante nell’Antifona d’ingresso (Sal 12,6a-c, SI) s’impegna a cantare l’azione di grazie e la lode al Signore, sempre largo nel donare i suoi beni (9,15; 118,17), allora come adesso anche noi speriamo sempre nella divina Misericordia, affinché la nostra esistenza esulti nella salvezza di cui Egli è ricco come esultò per il salmista.
Canto all’Evangelo 1Gv 2, 5
Alleluia, alleluia.
Chi osserva la parola di Gesù Cristo,
in lui l’amore di Dio è veramente perfetto.
Alleluia.
Chiave di lettura della pericope evangelica è l’affermazione dell’Apostolo che pone in rapporto la perfetta custodia della divina Parola operata dai discepoli, con la carità divina che risiede nei discepoli stessi. Questa deve essere rivolta insieme, nella fede a Dio, e nella fede e amore ai fratelli. Nessuna carità è più completa. La Fonte immacolata è la Parola, il fine è l’amore che unisce con Dio e con il prossimo.
Evangelo, prima lettura e salmo nel nuovo lezionario, si legano spesso strettamente insieme e i brani, oltre che esaminati nel loro contesto per capirne il senso proprio, vanno visti in relazione tra loro, per cogliere il messaggio particolare della parola letta nella celebrazione.
Come avevamo già anticipato nella lectio di domenica scorsa, l’ultimo versetto del brano dell’evangelo: «Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste» (Mt 5,48) e l’inizio della prima lettura: «Siate santi perché io, il Signore, Dio vostro, sono santo» (Lv 19,2) si richiamano in maniera tanto simmetrica da formare una sorta di inclusione, dentro la quale il resto non è che una spiegazione di quanto è detto in questi versetti. Lo stesso Dio misericordioso, clemente, provvidente è all’origine del rapporto di salvezza con Israele e con tutti gli uomini.
È questo Dio, che, come dice il salmista, è «buono e pietoso, lento all’ira e grande nell’amore» (sal 102,8; il Sal. responsoriale) che dobbiamo imitare.
Egli «perdona tutte le tue colpe; guarisce tutte le nostre malattie», e «come un padre ha pietà dei suoi figli» (Sal 102,3.13).

I lettura: Lev 19,1-2.17-18
Nella struttura del Levitico, il blocco imponente dei cap. 17-26, distinguibile chiaramente per prospettive e linguaggio, è detto dai critici «legge di santità». Le prescrizioni regolano in pratica tutta la vita del «popolo santo del Signore». E così per il culto (17,1-16); per la vita coniugale (18,1-30); per la morale e di nuovo per il culto (19,1-37); per le sanzioni penali (20,1-27); per il sacerdozio (21,1-24); per la partecipazione al convito sacro (22,1-33); per il calendario delle feste annuali (23,1-44); per alcuni riti complementari (24,1-9); per estirpare la bestemmia e limitare la vendetta (24,10-23); per il culmine della santità del popolo di Dio, la carità che si esprime nell'Anno giubilare (25,1-54, con molte articolazioni).
Concludono le benedizioni per chi aderisce alla Legge, e le maledizioni per chi la rigetta (26,1-46).
Il cap. 19 sta come al centro di questa legislazione in vista della santità del popolo. Esso è scandito dalla clausola «Io, il Signore Dio vostro», dal quale proviene la Parola della Santità. I vv. 9-10 e 15-18 sono propriamente un vero decalogo della carità, che merita di essere riconosciuto e approfondito; i vv. 11-14 invece ripetono i precetti 5°, 6°, 7°, 8°, 9° 10° del decalogo maggiore (ossia Es 20,1-17).
L'inizio si accorda con la proclamazione evangelica di oggi, in quanto parte dalla Parola divina comunicata dal Signore a Mose (v. 1), con la suprema prescrizione a tutta la comunità dei «figli d'Israele»: «Siate santi!» Il motivo è la Santità stessa del Signore, la quale è spiegata e trattata ampiamente nei cap. 17-26, come si è detto (v. 2). Santità che indica d'altra parte l'allontanamento da ogni forma di impurità che limiti la trasparenza immacolata della vita, impurità impossibile in Dio, ma purtroppo normale o quasi negli uomini. Trasparenza vuol dire anche comunicazione della divina Bontà. La Santità divina infatti è massimamente comunicabile, e di fatto comunicata nella Bontà divina.
Il v. 17 contiene una parte del 5° comandamento di questo speciale decalogo. Esso segue il 4° al v. 16, nella prescrizione: non sparlare del prossimo, non fare ìmpeto contro di lui. Prosegue il v. 17a. non odiare il fratello (Ger 9,8; 1 Gv 2,11; 3,14), Il v. 17bc contiene 2 precetti, il 6°, rimprovera francamente il tuo prossimo, e questa è la «correzione fraterna» (Sal 140,5; Pr 27,5-6; 28,23; Sir 19,13; Mt 18,15; Lc 17,3; Gal 6,1; Ef 5,11); e il 7°, non gravarti di colpa per lui (22,16; Rom 1,32; 1 Tim 5,22; 2 Gv 11).
Il v. 18 contiene ben 3 comandamenti del «decalogo della carità». L'8° (v. 18a), è breve e netto: non devi vendicarti. La norma ricorre altre volte nell'A.T. (Pr 20,22; Sir 18,1), prima di diventare una costante del N. T. (Rom 32,17,19; Ebr 10,30). Infatti se vendetta è giustizia, deve essere lasciata al Signore, l'unico Giusto e l'unico Giudice, com'è proclamato già nella Legge come parola del Signore: A Me la vendetta e la ricompensa, quando il loro piede sarà scosso, poiché vicino sta il giorno della rovina, e viene rapida la loro sorte! (Dt 32,35), testo citato in Rom 12,19.
Il v. 18b proclama una nonna più sottile e più radicale, il 9° precetto: non si deve neppure conservare il rancore contro i fratelli.
E finalmente al v. 18c il culmine riassuntivo e totale: «Anzi, tu ami il prossimo tuo come te stesso - Io, il Signore!», che è il 10° e culminante precetto. Con l'altro, di Dt 6,4-5, l'amore verso il Signore, L’A.T. qui ha raggiunto il culmine della Rivelazione divina. Il N. T. accoglie questo culmine e lo rende ormai, per così dire, normale e totalizzante, e come tale obbligante: Mt 5,43; 19,19; 22,39; Mc 12,31; Lc 6,27; Gv 13,34; Rom 13,9; Gal 5,14; Giac 2,8.

Il Salmo responsoriale: 102,1-2.3-4.8 e 10.12-13 I
Il Versetto responsorio: Il Signore è buono e grande nell'amore (v. 8a) è intercalato dai fedeli al canto del Salmo, che ripetono che il Signore è Tenero e Gratificante; la ripetizione indica la perennità di questa divina disposizione.
Questo poema meraviglioso è a sua volta un altro dei culmini della rivelazione dell'amore divino per gli uomini, sia per Israele, sia per quanti temono il Signore.
E una delle fonti per intendere il Disegno divino, i cui temi si ritrovano largamente nell'A. T. e nel N. T.
Come forma letteraria, si tratta di una compatta "benedizione", come fa intendere l'inclusione letteraria che formano i vv. la e 22c, l'inizio e la fine. Il Signore è benedetto lungo l'intero componimento, a motivo della sua Persona, dei suoi titoli e delle sue opere. Ma Persona, titoli e opere sono solo e per intero bontà e misericordia.
All'inizio l'Orante rivolge a se stesso un coortativo innico, la forma dell'imperativo della prima persona. La sua anima, tutto il suo interno sono invitati a benedire il Nome ed il Signore (v. 1); così ancora il Sal 103,1, immediatamente successivo e molto connesso. Il v. 2a ripete l'invito all'anima, e insieme l'imperativo cogente a non dimenticare i benefici divini (v. 2b), come già esortava Dt 6,12; 8,11.
Ai vv. 3-5 ricorre una serie di «participi innici», verbi al presente, che indicano l'operazione divina continua. Essi servono anche di motivazione alla benedizione. Il primo è «il Propiziante» tutte le iniquità dell'Orante, che rappresenta il popolo (I titoli di Es 34,7; Mt 9,2; Lc 7,47-48), e il secondo è «il Guarente» tutte le sue malattie materiali e morali (146,3; Es 15,26; Is 53,5; Mt 8,17, il Servo inviato per questo), riflesso costante della Bontà divina (v. 3).
Al v. 4 altri due participi innici, «il Redimente» dalla corruzione della morte la vita dell'Orante (Sal 48,16), e «il Coronante» il suo fedele di bontà e di tenerezza (2 Tim 4,8; Giac 1,12).
I titoli principali vengono, in due doppietti, al v. 8. Si sono visti alla Domenica della SS. Trinità, commentando Es 34,4b-6.8-9; lì si rinvia. Tutti e 4 indicano la Bontà divina come tenerezza, gratifica, longanimità e multi-misericordia.
Per queste qualità divine, il Signore non retribuisce secondo le iniquità dei suoi fedeli (Ez 20,44). Il Salmista in altro luogo proclama infatti: «Se Tu, Signore, tieni conto delle iniquità, Signore, chi potrà sussistere?» (Sal 129,3, il De profundis, che rimanda a 89,8; 142,2; e Gb 9,3). Né il Signore retribuisce tenendo conto dei peccati degli uomini (v. 10). Al contrario, Egli allontana da essi le loro iniquità, le rende irraggiungibili, come lo sono tra essi l'oriente dall'occidente (Is 38,17; Mich 7,19), e perciò le rende inefficaci (v. 12).
La motivazione finale è commovente: il Signore mostra la sua tenerezza per quanti Lo temono, come un padre è tenero con i suoi figli (Gioel 2,18; Mal 3,17; Lc 15,11-24). Il culmine è raggiunto (v. 13).

Nella pericope evangelica, che sta in prosecuzione con quella della Domenica precedente, prosegue ancora il «discorso della montagna», che, come abbiamo detto, si concentra adesso verso il centro stesso, il cuore della fede cristiana, l’amore verso i nemici.
Questo cuore tuttavia è anche uno dei punti meno accettato dagli uomini, sino a porre l’odio per i nemici come regola di vita, possibilmente sino allo sterminio, se non accetta la conversione forzata. È la Parola nuova del Signore che, allora come oggi, viene sempre proclamata e continuamente disattesa.
Matteo e la sua tradizione hanno dato a questo materiale forma antitetica, costruendo due contrapposizione (vv. 38-42 e 43-48): l’una alla legge del taglione, citata da Esodo 21,24 (cfr parall. Lv 24,20 e Dt 19,21), e l’altra al comandamento dell’amore del prossimo di Lv 19,18, interpretata in senso restrittivo, con l’aggiunta non biblica, ma presente nei testi di Qumran, dell’odio verso i nemici
Ricordiamo ancora che l’antitesi (forma usata nel 1° discorso probabilmente anche per tenere desta l’attenzione degli interlocutori) non è con la Torah ma con le interpretazioni, se non errate, certamente riduttive che se ne davano. Ad esempio: nella la lett. compare il comando «amate il vostro prossimo»(Lv 19,18), ma non la seconda parte «odiate i vostri nemici».
Gesù «non e venuto ad abolire, ma a compiere» (Mt 5,17). Quello di Gesù è un discorso esigente, che dobbiamo prendere sul serio, sforzandoci di trovarne le applicazioni per la nostra vita. La risposta dei cristiani è stata diversa e ancora oggi noi la stiamo cercando in una situazione storica completamente diversa da quella degli interlocutori di Gesù e benché tante volte veniamo ancora meno, dobbiamo continuamente riprendere a cercare il suo amore, fiduciosi nella grazia di Dio che dona nuovo vigore.
Continuando la stessa pericope, valgono gli stessi criteri redazionali già presentati nel commento precedente. Ci troviamo quindi di fronte a due nuove unità letterarie di «antitesi», strutturate come le altre.
Mentre le antitesi di Domenica scorsa esaminavano comandamenti del Decalogo, qui le ultime due ragionano su precetti più ampi, che vanno alla radice delle relazioni interpersonali; a ciascuna inoltre vengono aggiunte alcune esemplificazioni:
1) vv. 38-42: la reazione alla colpa;
2) vv. 43-47: la condizione dell’amore.
L’ultimo versetto (v. 48) può essere inteso come chiusura della quinta antitesi, ma forse è più opportuno considerarlo il lóghion conclusivo di tutta la sezione, con il ruolo di chiave di lettura complessiva: «Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Esaminiamo il brano

vv. 38-39 - Nella Legge antica stava la ferrea «legge del taglione», formulata con il classico «occhio per occhio e dente per dente». Diciamo subito che «taglione» non è una parola biblica, ma deriva dal tardo latino talio/talionis, ora lo ius talionis è il diritto di infliggere un’offesa tale a quella che si è ricevuta. Il termine forse proprio per la polemica che ne fa Gesù ma anche con una interpretazione superficiale (diritto al taglio, ma il taglione non è un grosso taglio!), è divenuto sinonimo di ritorsione in senso generale e trascina con se un’impressione molto negativa. Senza voler ignorare il superamento che Cristo propone, vorremmo ora ridimensionare quel giudizio negativo e mostrare il valore di quella norma anticotestamentaria. Al di là della brutalità dell’espressione, di forte impronta orientale il taglione è la formula rigorosa del concetto di giustizia distributiva: al contrario di come si crede, di solito era una norma restrittiva e benefica a suo modo.
In antico la vendetta per un danno o un’offesa subiti era illimitata: si veda solo Gen 4,23-24, il piccolo «canto di Lamek» Si confronti solo con Mt 18,22, dove Gesù prescrive a Pietro di perdonare non 7 volte, ma 70 volte 7, numero infinito. Altro episodio è la vendetta di Simeone e di Levi (Gen 34,25-31).
La vendetta antica dunque era illimitata, implacabile e feroce, e purché raggiungesse la soddisfazione, poteva essere esercitata indifferentemente sia sul colpevole, vero o presunto, sia su un familiare, sia su una persona del suo gruppo. Poteva essere quindi diretta o trasversa, come la più abietta forma di delinquenza comune organizzata, mafia, camorra o altre che siano, ancora fanno. La Legge viene a porre un limite.
A un danno si dà la riparazione proporzionata. Si poteva talvolta (reato colposo) giungere ad una transazione pacifica, riparando il danno con un versamento pecuniario; la colpa anche grave perpetrata per inavvertenza andava assolta. Quello che preoccupava era reprimere il reato, previa identificazione del colpevole; se questo non avveniva, con apposito rito la colpa cessava. Quello che soprattutto premeva era l’identificazione del colpevole, affinché non restasse impunito, dandosi così esca al proliferare ed al perpetuarsi dei delitti. Era una legge in vigore presso tutti i popoli dell’antico Oriente. Nel codice di Hammurabi (sec. XVIII a C.) si legge:
«Se uno schiaccia un occhio ad un altro, il suo occhio sarà schiacciato» (art 196).
«Se uno frantuma un arto ad un altro, un suo arto sarà frantumato» (art 197).
«Se uno spezza un dente ad un altro, un suo dente sarà spezzato» (art. 200).
Tale legge era stata accettata nel codice mosaico (cfr Es 21,23-25; Lv 24,19-20; Dt 19,21).
Isidoro di Siviglia nelle sue Etimologie la definisce così: «Tallo est similitudo vindictae, ut taliter quis patiatur, ut fecit» (il taglione è la proporzione della vendetta, cosicché uno subisca in modo equivalente a quanto fece). Non si tratta dunque di una legge barbara e primitiva, bensì costituisce il criterio fondamentale della normativa penale: la riparazione pretesa deve essere commisurata al danno causato, la pena deve essere proporzionata alla colpa. Tale criterio continua ad essere applicato anche nei nostri attuali codici penali: ad un’azione illegale deve essere comminata una pena corrispondente, più è grande la colpa più è pesante la pena!
Dunque la frase «occhio per occhio e dente per dente» non è vergognosa e riprovevole: vuol dire che l’occhio è più prezioso di un dente, per cui il risarcimento dovuto a chi ha perso un occhio è molto più alto rispetto a quello per il danno arrecato ad un dente. Tale criterio è fatto proprio dalla legge divina ed esprime un criterio umanamente buono.
Accanto a questo principio che, in una società non sufficientemente sviluppata (ora invece...), codificava la vendetta privata, lentamente ma gradualmente si era fatta strada in Israele il principio della non violenza: il giusto era invitato a rimettere a Dio «la sua causa» (cfr Ger 20,12) e aspettare il gran «giorno della vendetta» (Gb 19,25).
Anche di fronte a questa legislazione assennata ed equilibrata, il Signore sconvolge tutto. «Io parlo a voi» suona in assoluto, e paradossale: non resistete al nemico malvagio, al male. Si tratta del male da cui si è colpiti personalmente (vedi esempi concreti che Gesù richiama); è proibito opporgli resistenza a modo di vendetta, rendendo male per male secondo la regola del taglione (altra traduzione: non vendicatevi di chi vi fa del male).
Gesù non propone una legge buona al posto di una cattiva e non suggerisce un nuovo codice penale in sostituzione di quello antico, ma annuncia il compimento, cioè la possibilità di andare oltre quella norma, realizzando nuove condizioni di rapporti umani buoni. La sua parola non è rivolta ai giudici, bensì al suo discepolo in quanto parte lesa ed esprime anzitutto il principio di base: «Non opporsi (anti-stènai) al malvagio» (v. 39a), cioè non «contra-porsi», non opporre resistenza e non porsi di fronte al malvagio con lo stesso atteggiamento di malvagità. Il senso di questo insegnamento fondamentale lo troviamo espresso nel consiglio paolino: «Non rendete a nessuno male per male ... Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene» (Rm 12,17.21). Il criterio della pena meritata salta in forza di un amore più grande da parte della vittima, che solo così ottiene di fare vera giustizia.
Comprendere poi questa frase in senso rinunziatario non le rende giustizia; non rappresenta neppure una strategia da seguire nelle lotte sociali.
Gesù non proibisce né di opporsi con dignità agli attacchi ingiusti (cfr Gv 18,22ss) né, ancor meno, di combattere il male del mondo.
vv. 39b-42 - Al nucleo fondamentale (la 5a antitesi) seguono quattro applicazioni concrete che vogliono rimuovere il detto da un piano astratto e generale.
Le esemplificazioni risentono dell’ambiente e degli usi del tempo:
1. La prima sfera è quella della violenza fisica, a cui non si deve reagire con altrettanta violenza fisica; deve essere sopportata. Lo schiaffo sulla guancia destra era ritenuto particolarmente offensivo. L’immagine dello schiaffo si ispira al testo profetico del Servo sofferente, che non ha sottratto la sua faccia agli insulti e agli sputi (cfr. Is 50,6) e non ha risposto all’affronto con la violenza. Questa è l’immagine stessa del Cristo nella passione (cfr. Mt 26,67): egli si offre come modello di forte pazienza e di mite resistenza.
2. La seconda sfera è quella della contesa legale; ai discepoli vien detto di non opporsi a un’azione legale con un’altra azione legale, ma di cedere quanto viene contestato e anche di più, sino a farsi spogliare (cfr. Isaia nei carmi del servo sofferente). I vestiti qui menzionati sono la tunica, una lunga camicia indossata a diretto contatto con il corpo, e il mantello, un indumento esterno più pesante che proteggeva dal freddo e dalla pioggia. Questi erano gli unici indumenti indossati dai contadini palestinesi. In Es 22,25-26 il creditore che prende il mantello in pegno è ammonito di restituirlo al calar del sole affinché il debitore possa avere di che coprirsi per la notte. Gesù paradossalmente propone di cedere ancora di più di quello che chiede il creditore.
3. La terza sfera è quella del lavoro o servizio forzato. Il riferimento è ai casi in cui l’autorità militare o civile requisiva delle persone, costringendole a qualche corvée di pubblica utilità. Anche qui il paradosso sta nella proposta di dare un aiuto volentieri e non per costrizione.
4. La quarta sfera sembra non essere ben contestualizzata, in quanto non esprime alcun esempio di risposta alla violenza. Il caso è quello di un prestito, concesso senza diritto all’interesse, scegliendo cioè di andare contro la logica del proprio guadagno. L’esempio dice piuttosto un’esigenza di generosità: mai rifiutare a chi chiede. Quest’ultimo tratto viene dall’AT., dalle leggi del Giubileo e dell’Anno sabbatico (cfr ad es, Dt 15,1-11), poste per giungere alla ricomposizione ordinata della compagine sociale, dove tra fratelli non debbono esistere diaframmi, tanto meno di ordine economico, i più gravi (cfr Lv 25,8-22). II passo è riecheggiato in Rm 12,17-21.
Lo sforzo di superare il desiderio della vendetta con la legge dell’amore rimane spesso nell’AT. un ideale che difficilmente si traduce nella pratica; i salmi imprecatori ne sono una prova. Il salmo 109 contiene imprecazioni forti contro gli accusatori del salmista che hanno ripagato male per bene e odio in cambio di amore (vv. 4ss); altrove s’invoca la vendetta divina contro gli iniqui (cfr Sal 5,11; 28,24; 137,7ss; Ger 11,20; 20,12; ecc.).
v. 39 - «porgigli» l’imperativo aoristo positivo ordina di dare inizio a un’azione nuova»
v. 40 - «lascia» ancora un imperativo aoristo positivo che ordina di dare inizio a un’azione nuova.
v. 42 - «Dà» altro imperativo aoristo positivo.
v. 43 – Con la quinta antitesi viene adesso il culmine di tutto il discorso: la condizione dell’amore. Nemmeno la quinta questione cita uno dei dieci comandamenti, ma il precetto generale che riguarda l’amore del prossimo. Nella Legge antica stava il precetto grave e difficile dell’amore per il prossimo: Lv 19,18 (I lett.); cfr Es 23,4-5. L’interpretazione extra-biblica di qualche scuola aveva aggiunto una massima dura, dettata dalla paura e dalla difesa: odierai il nemico tuo.
Questo non è biblico, in nessun passo dell’AT come neppure nel giudaismo precristiano, con la sola eccezione della setta di Qumràn ,viene ordinato esplicitamente di odiare i nemici.
La citazione di Gesù si rifà piuttosto a quella mentalità caratteristica del giudaismo che escludeva dal precetto dell’amore del prossimo quanti non appartenessero alla nazione israelitica e, a maggior ragione, a tutti i nemici del popolo eletto. Il passaggio dall’odio dei nemici nazionali a quello dei nemici personali è facilmente comprensibile.
«amerai»: agapéseis è un futuro che nel linguaggio legale è usato con valore di imperativo categorico; ma anche fuori da tale linguaggio per una esortazione impellente o un dovere da adempiere, il futuro tiene luogo di imperativo. Il verbo è quell’agapào che ben conosciamo che traduce l’amore senza riserve, oblativo, che non pretende per sè ma che si dona completamente all’altro. Nella Scritture sante è sempre usato per indicare l’amore di Dio per l’umanità. (cfr Gv 21e ricordiamo il verbo fileo usato per parlare dell’amore come amicizia ed eros per raccontare l’amore umano, non solo quello sensuale, molto usato nella letteratura classica pagana).
«odierai»: il verbo misḗseis è l’espressione forzata di una lingua povera di sfumature intermedie; l’originale aramaico può significare «amare meno» (cfr Ger 29,31; Dt 21,15s). Così quando si tratta di Dio (Mal 1,2-4; Rm 9,13), o dell’atteggiamento da tenere verso i propri cari o verso se stessi di fronte alla chiamata divina (cfr Lc 14,26; Mt 10,37; Gv 12,25). Non può trovare giustificazione l’odio che in nome della fede e di Dio giunge ad uccidere altri uomini Ricordiamo la drammatica situazione dei cristiani in oriente (Egitto, Pakistan, Iran, Siria…) dove il fanatismo mussulmano estremista ed omicida di pochi miete vittime numerose e indifese e trova un’opposizione debole se non un consenso tacito. Ricordiamo Mons. Padovese in Turchia. Ricordiamo anche la legge sulla bestemmia vigente in quei paesi, sia teocratici che laici, in cui è in vigore la sharia che da anni con gli abusi a cui si presta, genera scempi tra i membri delle minoranze religiose. In paesi come ad esempio il Pakistan la blasfemìa è un reato punibile con la pena di morte , morte che colpisce anche chi fra i mussulmani si oppone pubblicamente alla legge sulla bestemmia. Ricordiamo Salmar Taseer, uomo politico mussulmano e governatore del Punjab diventato un apòstata da eliminare per il fatto stesso che considerava una barbarie la legge che punisce con la morte o con l’ergastolo chi oltraggia il Corano e il profeta Maometto ucciso in un mercato di Islamabad da una sua guardia del corpo poco più che ventenne.
“La venerazione nei riguardi di Dio promuove la fraternità e l’amore, non l’odio e la divisione” sono le parole del Papa, Benedetto XVI, con cui aveva chiesto alle autorità Pakistane di fare tutti gli sforzi necessari per abrogare la legge contro la blasfemia che sempre più è pretesto per provocare ingiustizie e violenze contro le minoranze religiose. La risposta dell’allora primo ministro Yusuf Raza Gilani ha escluso qualsiasi emendamento alle norme penali sulla bestemmia.
«Chi è il prossimo da amare?»: Tale domanda sarà rivolta da un dottore della legge allo stesso Gesù (Lc 10,29). Per 1’A.T, il prossimo è l’israelita, ben distinto dal pagano e dal forestiero: il prossimo in realtà indica l’ebreo (cfr Es 2,13; Lv 19,15.17-18). La legge di Mose non ignora gli emigrati, coloro che si stabiliscono tra gli ebrei ma non sono israeliti; costoro debbono essere amati, perché anche i figli di Giacobbe hanno fatto la stessa esperienza in Egitto (cfr Lv 19,33s; Dt 10,18s).
Il Signore nell’A.T. non comanda di amare i nemici; anzi spesso troviamo espressioni e atteggiamenti davvero sconcertanti per i cristiani. Si veda l’interpretazione ristretta del concetto di "prossimo" data da alcuni movimenti giudaici: il precetto dell’amore - si diceva - vale per il prossimo, inteso come vicino e amico, connazionale e fedele; non vale invece per gli stranieri e gli avversari della comunità politica e religiosa, i quali devono essere considerati nemici e vanno odiati con tutte le forze. Ne è esempio un versetto del meraviglioso Sal 138, censurato infatti dalla nostra liturgia: «Non odio forse, Signore, quelli che ti odiano e non detesto i tuoi nemici? Sì, li detesto con odio implacabile come se fossero miei nemici» (Sal 138/139,21-22).
La storia del popolo ebreo (come ancor più quella di popoli ben più grandi e potenti, vedi Assiri, Babilonesi, Persiani ecc.) è contrassegnata da guerre sante, nelle quali gli avversari furono annientati, in un autentico olocausto, senza lasciare alcun superstite né fra gli uomini ne fra gli animali (cfr Es 17,8ss; Nm 21,21ss; 31,lss; Dt 2,34; 3,3-7; Gs 6,21.24; 8,24s). Anzi la Bibbia riporta come comandi divini il votare allo sterminio tutte le popolazioni pagane, non risparmiando neppure i bambini o le donne incinte (cfr Gs 11,20; 1 Sam 15,1-3).
Tuttavia, anche prima della venuta di Gesù sono prescritti atteggiamenti che suppongono il superamento dell’odio per il nemico, perché si esige l’aiuto di queste persone (cfr Es 23,4s; Pr 25,21).
Nell’AT alcuni giusti hanno saputo perdonare e amare le persone che li hanno odiati e perseguitati; i modelli più chiari e commoventi sono di tale carità ci sono offerti da Giuseppe e da Davide, il figlio di Giacobbe odiato dai fratelli, fino ai punto da volerlo uccidere e poi venduto come schiavo (Gen 37,4ss. 28ss), quando divenne viceré di tutto l’Egitto non si vendicò dei suoi fratelli ma anzi li perdonò c cercò di scusare il loro peccato (Gen 45,1 ss; 50,19ss).
Anche la storia di Davide appare molto edificante in fatto di amore per i nemici: dopo aver compiuto imprese eroiche fu odiato da Saul che tentò più volte di ucciderlo (1 Sam 18,6-11; 19,8ss), e lo perseguitò (1 Sam 23,6ss.l9ss; 26,lss). Pur braccato non si vendicò avendone l’occasione (1 Sam 24,4-16; 26,6-20). Verso la fine della sua vita in occasione della ribellione del figlio Assalonne (2 Sam 15,7ss) pianse a causa della morte di questi (cfr 2 Sam 18,1-15; 19,1) destando la furia di Ioab il quale dichiarò a Davide che egli amava coloro che lo odiavano (2 Sam 19,7).
vv. 44-47 - Ancora una volta Gesù ci proietta verso la continuazione, la rottura ed il superamento; l’amore verso il prossimo è ampliato illimitatamente: tutti sono prossimo, anche, e forse di più, i nemici, che hanno più bisogno di carità. La prima carità è pregare per loro, anche se persecutori spietati, poiché solo così si diventa figli del Padre di tutti che dà la vita a tutti. Dio non è un esattore, un ragioniere pronto a far scattare la legge del taglione come molti vorrebbero; al contrario lascia lo spazio per la conversione, sperando sino all’ultimo. La spiegazione che viene data è di perfetta logica conseguenza: anche gli esattori, considerati impuri ed abietti, amano chi li ama. Lo stesso fanno i pagani.
v. 44 - «amate... pregate»: sono entrambi degli imperativi presenti positivi che come tali ordinano di continuare un’azione già iniziata. Pros-eùcheste lett. Supplicate; innalzate suppliche fino a prostrarvi: una preghiera intensa e disperata… e per un nemico!
La problematica dunque riguarda la condizione dell’amore, ovvero chi si merita di essere amato: la mentalità religiosa giudaica infatti riteneva che ci dovessero essere delle condizioni per meritarsi di essere amato. Gesù invece propone ai suoi discepoli un modello decisamente differente, che rende esplici¬to l’amore per i nemici, cioè per quelli che non se lo meritano affatto (v. 44). Anche coloro che perseguitano la comunità cristiana restano "prossimo", per i quali bisogna pregare. La motivazione di questo principio è teologica, cioè deriva dal criterio ultimo che è lo stile stesso di Dio Padre il quale ama in modo generoso e gratuito, senza porre la condizione del merito (v. 45). Essere figli del Padre non è frutto dello sforzo umano, ma conseguenza del grande e immeritato dono che i cristiani hanno ricevuto dallo Spirito di Gesù: essendo divenuti figli, possono vivere come il Padre.
«non fanno così anche i pubblicani… non fanno così i pagani»: Anche in questo caso troviamo alcuni esempi, per chiarire il tema dell’amore gratuito: amare quelli che ci amano e rivolgere il saluto soltanto ai fratelli. Questa è semplice educazione, praticata anche dai pubblicani (grandi peccatori) e dai pagani (non credenti e non praticanti): non rappresenta nessun effettivo apporto (misthós = ricompensa, lett. il salario di chi lavora per il premio) e non manifesta «il di più» (perissós) della grazia divina (straordinario).
Luca nel brano parallelo sostituisce misthós con charis (6,32) per evitare fraintendimenti in ambiente greco. “Quale charis/grazia ne avrete?” dove capiamo che amare o praticare le tre opere religiose (cfr 6,1-6) non è per avere una ricompensa ma di avere una grazia, un allargamento del cuore, dove è l’obbedienza al comandamento che diventa ricompensa al comandamento. Qui davvero siamo in una dimensione totalmente giudaica (Il rabbi che dal discepolo viene interpellato su quale sia la ricompensa per aver obbedito al comandamento risponde: un altro comandamento! La Legge è il premio per aver obbedito alla Legge!). Digiuno, elemosina, preghiera non sono per ricevere ma per il cristiano sono esperienza di comunione con il Signore. Ecco perché occorre il cuore, altrimenti il digiuno è solo per dimagrire e non ha altri significati. Vissute col cuore le pratiche come il digiuno, l’elemosina e la preghiera sono occasione di incontro con il Signore.
v. 48 La logica di tutto è in Dio, logica lontana da quella dell’uomo.
«Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste»: Il detto viene da Lv 19,2 (la Lett.) modificato; «perfetto» il gr. téleìos infatti rappresenta il termine ebraico che significa "intero" o "integro", che ha raggiunto la massima forma. Ha raggiunto la Santità divina. Non è data una spiegazione più a fondo; il v. 48 va esplicitato con il suo parallelo lucano: «Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso!» (Lc 6,36).
La perfezione la santità, in Dio e nell’uomo, consiste dunque nella misericordia. Qui sta il culmine dell’insegnamento dell’intera Scrittura.
Gesù propone dunque qualcosa d’impossibile? Possiamo uscire da questo dubbio riconoscendo il grandioso valore di quel «come»: «perfetti come il Padre». Chiamati cioè ad imitare Dio e a diventare come lui, riconosciamo di aver ricevuto in Cristo la forza e la capacità di realizzare tale progetto. L’unico autentico imitatore del Padre è Gesù il quale, da ricco che era, si è fatto povero per arricchire noi della sua divinità: l’uomo non meritava nulla, non poteva pretendere nulla; era solo colpevole e meritevole di condanna e di punizione. «Occhio per occhio e dente per dente»: detto da Dio, avrebbe potuto diventare un terribile invito alla distruzione dell’umanità. Proprio in questo invece si è rivelata la divina misericordia: Dio non si è opposto al malvagio con la forza, non ha sottratto la faccia agli insulti e agli sputi, ha lasciato tutto se stesso all’uomo pretenzioso e con lui si è messo in cammino per sempre. Dio non ha voltato le spalle all’uomo, anche se l’uomo se lo sarebbe meritato.
E Gesù ha vissuto realmente da figlio del Padre celeste: per questo ha pregato per i suoi nemici e ha trattato da amico fino all’ultimo anche Giuda. La sua stessa vita toglie valore all’imperativo del diritto leso e dell’istinto umano. «Talis Pater, talis Filius»: ecco la legge cristiana del «taglione» !
I cristiani, figli adottivi di Dio attraverso il Figlio naturale Gesù, assomigliano al loro Padre: hanno ricevuto i caratteri della somiglianza e li esercitano nella loro vita. Lo straordinario e il merito dunque non vengono dall’uomo. Per conto nostro noi non faremmo niente di più di tutti gli altri uomini. Lo straordinario («il di più») è Gesù Cristo e tutto il merito viene da lui: configurati a lui nel Battesimo, riconosciamo in noi la sua «perfezione», il dono cioè della vita nuova. Non si tratta di sforzarci per diventare perfetti, ma di accogliere la buona notizia: la possibilità di vivere la perfezione filiale ci è già stata donata.

II Colletta:
O Dio, che nel tuo Figlio
spogliato e umiliato sulla croce,
hai rivelato la forza dell'amore,
apri il nostro cuore al dono del tuo Spirito
e spezza le catene della violenza e dell'odio,
perché nella vittoria del bene sul male
testimoniano il tuo evangelo di riconciliazione e di pace.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Abbazia Santa Maria di Pulsano
Fonte:http://www.abbaziadipulsano.org

Post più popolari