fra Damiano Angelucci, "Circolazione di doni

Commento al Vangelo della V Domenica del TO anno A; 5 febbraio 2017
Circolazione di doni
TESTO  (Mt 5,13-16)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
«Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A
null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente.
Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli».


COMMENTO

Gesù parla ancora all’indicativo, come per descrivere una realtà di fatto: i discepoli sono sale, sono luce. Ma perché quei discepoli, e anche noi a cui Gesù sta rivolgendo questa parola (ammesso che desideriamo essere di Cristo), così fragili e limitati e tiepidi nel cuore, siamo definiti da Gesù luce del mondo e sale della terra? Gesù non dice forse … “"Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita" (Gv 8,12) ?

Se Gesù è la luce come può dirlo anche di noi? La risposta più semplice è che noi siamo sale perché riceviamo da Lui il nostro sapore; noi siamo luce perché riceviamo da Lui la nostra luminosità. C’è chi brilla di luce propria e chi di luce riflessa. Noi possiamo solo riflettere sul nostro volto, la bellezza del volto di Cristo. Come di Giovanni Battista si deve poter dire di noi: “non era lui la luce ma doveva dare testimonianza alla luce” (Gv 1,8).

 Quale è il merito per diventare sale e luce? Direi il semplice fatto di stare in ascolto, di permanere in relazione con il Signore, con la sua presenza.

 È un problema di relazione con la fonte. Il sale si scioglie, dà sapore senza vedersi, è il condimento meno visibile ma la cui mancanza si nota subito. Pensate solo ad un piatto di pasta quando ci si è scordati di buttare il sale nell’acqua! E poi il sale conserva. Il sale era così importante nell’antichità per conservare gli alimenti che i soldati romani venivano pagati col sale (da qui il termine “salario” come sinonimo di stipendio). Il sapore che Gesù dà alla nostra vita non solo è penetrante, non solo è co-essenziale al sapore dei cibi, ma addirittura conserva: tante cose, tanti traguardi umani possono motivare e stimolare la mia vita, ma ciò che il Signore mi comunica con la sua presenza e che mi permette di essere, è un sapore che si conserva e che conserva il suo gusto nel tempo. “Ma se il sale perdesse il suo sapore a cosa servirebbe?”. Detto altrimenti: “Ma se noi che siamo creati per amore di Dio, che siamo creati per accogliere la gioia dell’amore di Dio, poi perdiamo il contatto con l’amore, con il Cristo che ci rivela e incarna l’amore di Dio… a cosa serviamo? …” Non ci dovremmo stupire se perdendo il gusto della fede, molti perdono anche il gusto della vita.

 La luce irradia, sempre. Quando il buio è intenso basta una piccola luce per avere quel minimo di visibilità per non inciampare. La luce è sinonimo di vita, di calore, di gioia. Ma anche qui c’è il rischio di spegnere l’interruttore. Quel meccanismo che noi abbiamo dappertutto nelle nostre case si chiama proprio così: “interruttore”. La corrente elettrica viene orami in tutte le nostre case ma noi abbiamo all’ingresso della casa un interruttore generale e tanti piccoli interruttori. Abbiamo la possibilità di non far arrivare la luce. Ma noi vogliamo rimanere nella luce di Cristo, ne sono certo. Per questo dobbiamo non interrompere la comunione con Cristo e con i fratelli. Nelle nostre comunità religiose e parrocchiali: quante competizioni! quante piccole invidie! manie di protagonismo! Risentimenti per un piccolo cambio di incarico! Come sono fragili i nostri fili di corrente elettrica! Quanti interruttori frapponiamo!

Accogliamo invece il monito che ci giunge dalle parole di San Giovanni: Questo è il messaggio che abbiamo udito da lui e che vi annunziamo: Dio è luce, e in lui non ci sono tenebre. 6 Se diciamo che abbiamo comunione con lui e camminiamo nelle tenebre, noi mentiamo e non mettiamo in pratica la verità. 7 Ma se camminiamo nella luce, com'egli è nella luce, abbiamo comunione l'uno con l'altro, e il sangue di Gesù, suo Figlio, ci purifica da ogni peccato. (1 Gv 1,5-7 ).

Fonte:http://fradamiano.blogspot.it/

Post più popolari