padre Antonio Rungi, "Lazzaro, vieni fuori. E l'amico morto risuscitò"

Lazzaro, vieni fuori. E l'amico morto risuscitò
padre Antonio Rungi
V Domenica di Quaresima (Anno A) (02/04/2017)
Vangelo: Gv 11,1-45
La quinta domenica di Quaresima che celebriamo oggi ci prepara immediatamente alla Pasqua. Sono,
infatti, pochi i giorni che ci separano dall'annuale ricorrenza liturgica della risurrezione del Signore, che il punto di riferimento di tutto il cammino spirituale del singolo cristiano, come per l'intera comunità cristiana. Già domenica prossima entriamo nel vivo delle celebrazioni pasquali con la domenica delle Palme o di Passione. Questi ultimi giorni, prima della settimana santa, siano vissuti bene da ognuno di noi chiedendo al Signore quanto è espresso nella preghiera della colletta di questa domenica: Vieni in nostro aiuto, Padre misericordioso, perché possiamo vivere e agire sempre in quella carità, che spinse il tuo Figlio a dare la vita per noi.
E al mistero di Cristo Redentore, al futuro Re e Messia d'Israele si riferisce il testo della prima lettura di questa domenica, tratto dal profeta Ezechiele, che ci invita a riconoscere il Signore che viene, in quanto aprirà le tombe e farà uscire dai sepolcri il suo popolo. Chiaro riferimento alla risurrezione della carne e al Cristo pasquale che la liturgia dell'AT anticipa con tante figure ed immagini come quella dell'uscita dall'esilio terreno e spirituale in cui il popolo di Dio si era procacciato e da cui non riusciva ad uscirne fuori senza l'intervento dall'alto. La terra promessa si vede all'orizzonte e non si tratta solo dalla Palestina e del ritorno in patria, dopo i vari esili storici di Israele, ma soprattutto al ritorno della patria celeste ed eterna, verso la quale noi tutti siamo diretti e di cui dobbiamo preoccuparci seriamente, se consideriamo che siamo di passaggio su questa terra, viviamo in esilio, nell'attesa di raggiungere la nostra casa e patria per l'eternità.
E il Salmo 129 completa questa nostra riflessione sul futuro nostro, che si chiama eternità, ricordando ad ognuno di noi la nostra povertà e miseria, di fonte alla bontà e la misericordia di Dio, che è infinita: Se consideri le colpe, Signore, Signore, chi ti può resistere? Ma con te è il perdono: così avremo il tuo timore".
San Paolo Apostolo nel testo della sua Lettera ai Romani, che oggi leggiamo, ci riporta alla triste realtà di una vita vissuta nel materialismo e alla bellezza e ricchezza di una vita vissuta nello spirito. Infatti, quelli che si lasciano dominare dalla carne non possono piacere a Dio; mentre coloro che vivono sotto il dominio dello Spirito del Signore, piacciono a Dio e vivono di Dio nel tempo e nell'eternità. Anche in questo secondo brano della parola di Dio di oggi c'è un forte appello ad alzare gli occhi al cielo, a guardare in alto e saper sognare una vita spiritualmente felice:" se Cristo è in noi, il nostro corpo è morto per il peccato, ma lo Spirito è vita per la giustizia".
Il Vangelo di oggi con il racconto della risurrezione di Lazzaro, di cui l'evangelista Giovanni ci offre tutti i dettagli, ci anticipa quello che succederà con la risurrezione di Gesù. Egli riporta alla vita fisica, momentaneamente, l'amico Lazzaro, per la cui morte il Signore soffre e piange, per insegnarci a guardare la nostra vita, oltre la vita. Infatti, la morte non è l'ultima parola per l'uomo, ma è la risurrezione anche nel suo corpo mortale. La malattia che porterà Lazzaro alla morte fisica, non sarà per glorificare la conclusione dell'esistenza terrena di ogni essere umano e vivente, ma sarà per dare gloria a Dio, come leggiamo testualmente: «Questa malattia non porterà alla morte, ma è per la gloria di Dio, affinché per mezzo di essa il Figlio di Dio venga glorificato». E così sarà, in quanto Lazzaro, che già da quattro giorni era nel sepolcro, per la potenza divina di Gesù, risorgerà e riprenderà il suo cammino nel tempo, in attesa poi di chiuderlo per sempre alla fine dei suoi giorni, davvero ultimi quella volta successiva, come era scritto nel libro della vita e soprattutto della fede. Vogliamo chiudere questa riflessione della quinta domenica di Quaresima, con la stessa preghiera che Gesù rivolge a Dio Padre, prima di far risuscitare Lazzaro: "Padre, ti rendiamo grazie perché ci ascolti sempre nella gioia e nella sofferenza. Io sappiamo che ci dai sempre ascolto, ma rendi più forte e solida la nostra fede in te, nella risurrezione della carne e nella vita eterna".

Fonte:http://www.qumran2.net/

Post più popolari