PADRE TIZIANO SOFIA, "CIECHI NATI e CIECHI PER SUPERBIA"

26 marzo 2017 | 4a Domenica di Quaresima - A | Omelia
CIECHI NATI e CIECHI PER SUPERBIA
Oggigiorno i ciechi dalla nascita sono rari. Ciechi per disgrazia, molti. Ciechi di cuore moltissimi.
Dopo aver ascoltato il Vangelo di oggi, confròntati: cieco dalla nascita guarito o finto cieco superbo? A Cristo proprio non vanno a genio i ciechi "farisei". A Cristo non interessa vincerla con i farisei. Costoro vorrebbero eliminarlo. Gesù vuole solo salvarli con il suo AMORE DIVINO.
L'uomo vede l'apparenza, ma il Signore vede il cuore!

Nessuno di noi vede il cuore di qualsiasi uomo. E' cosa da Dio. Gesù vede chiarissimamente il cuore dell'uomo. Quindi è Dio.
Samuele è inviato a ungere come re un betlemmita. Evidentemente Samuele si lascia guidare dall'occhio, non dal cuore. II re deve essere maturo, imponente, non un ragazzino. II profeta sbaglia. Passa in rassegna tutti i figli di Jesse. Nessuno è candidato re. Tutti qui i figli? Beh, c'è il piccolo Davide, che sta pascolando il gregge, come debbono fare sempre i più piccoli di famiglia. Era certamente un bel ragazzino: ERA FULVO (= capelli rossicci), con begli occhi e bello d'aspetto. Ma era TROPPO PICCOLO, non imponente.
I fratelli rimangono sbigottiti, assieme a Samuele. Che strana la scelta di Dio, il quale però vedeva il cuore buono di David!
Dio usa da sempre, soprattutto oggi, lo stesso sistema di scelta tutto suo: i meno adatti, ma in apparenza. Vuole i più disponibili, che saranno capaci grazie alla potenza di Dio.

Luminosi e tenebrosi. Veggenti e ciechi. Paolo agli Efesini

Era terribilmente cieco quel Saulo di Tarso, integerrimo fariseo. Ma Dio lo disarciona da se stesso e lo fa cadere steso per terra. Non vede più niente, soprattutto se stesso. Dio conosceva il suo cuore, il suo caratteraccio DETERMINATO. Bastava orientare bene questo talento per farne un apostolo.
II fariseo cocciuto diventa un apostolo estremista, capace anche di fare il duro, faccia a faccia con Pietro che conservava ancora parecchie tracce di fariseismo. Dio gli cambia il nome: se Saulo (= desiderato in aramaico) è molto ricercato dai farisei per la sua capacità d'intervento, per il suo fondamentalismo, ecco che Gesù lo chiama per come lo vuole: PAOLO, cioè "piccolo di statura", ma con il cuore enorme, carico non più di astio ma di amore verso Cristo e gli uomini a cui sarà mandato. Da cieco diventa luminoso. Anzi "figlio della luce", capace di smascherare le opere delle tenebre, dei ciechi farisei di tutta la storia.

Sto pensando al vescovo di periferia, delle favelas, a Francesco, buono, luminoso, ma anche capace - nello Spirito - di condannare apertamente, "urbi et orbi", tutte le opere tenebrose del nostro tempo. E non si lascia scappare neppure un'occasione. Battagliero come Paolo. Credo che fini-rà come Paolo. E sarà il trionfo di Cristo Risorto sul Nemico, il Male che domina l'attuale mondo.
Sembra che ripeta con San Paolo, alla nostra società:

"Svegliati, tu che dormi!
RISORGI DAI MORTI!
E CRISTO TI ILLUMINERA'! Ef 5,14
E siamo allo scontro frontale: la LUCE-Gesù contro le tenebre-farisei.

A costoro non interessa che un povero cieco dalla nascita ci veda. Non vogliono che la gente diventi diescepola di quel Gesù che scoperchia tutte le tombe imbiancate fuori, putride dentro. In campo aperto: un povero "cieco dalla nascita". Più poveraccio di così... Ma anche tanto umile e obbediente: all'invito di lavarsi gli occhi "sporcati da un fango raro (saliva con terra, ma saliva di Gesù!)", ecco il miracolo: CI VEDE, e benissimo! Ma i farisei continuano ad essere volutamente ciechi. Sono costoro che non può accettare nel suo gruppo Cristo. O cadono da cavallo e diventano ciechi come Saulo per diventare cristiani, o per loro sarà finita.
Ogni pretesto è buono per accusare Gesù:
+ il miracolo avviene di sabato. Proibito! A meno che si tratti di un asino caduto nel fosso, da salvare a tutti i costi! Senza peccare contro la LEGGE!
+ Un peccatore e bestemmiatore e indemoniato come Gesù non può fare miracoli! Cosa ne pensi tu? Risposta secca: "E' un profeta!". I genitori si smarcano: "Aetatem habèt!".
+ Dio non ascolta i peccatori. Quindi anche Gesù!
+ II guarito: "Credo, Signore!".
Stoccata finale: "SIAMO CIECHI ANCHE NOI del 2017?"...
Risposta: "Se continui a crederti "veggente-vedente", rimarrai cieco non curabile!".
Sii piccolo come Davide, Paolo, il miracolato di oggi!... E vedrai i miracoli che Dio farà in te!
O preferisci schierarti dall'altra parte con i farisei, espellendo Gesù dalla tua vita? Cosa frequente tra cristiani...

Padre Tiziano SOFIA sdb
Fonte:http://www.donbosco-torino.it

Post più popolari