fra Damiano Angelucci, " Nello sguardo dello Spirito"

Commento al Vangelo della VI Domenica di Pasqua, 21 maggio 2017
 Nello sguardo dello Spirito
TESTO ( Gv 14,15-21) 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io
pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi.
Non vi lascerò orfani: verrò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi.
Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».


COMMENTO

“Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”. Molti di noi avranno sentito questa bellissima frase tratta dalla celebre favola per adulti “Il Piccolo Principe”.
Vedere col cuore significa vedere a partire da un atteggiamento di simpatia, di affetto profondo nei confronti di ciò che si guarda. Quante volte e quante cose noi vediamo eppure non le conosciamo, cioè non siamo capaci di coglierne il significato, la bellezza più intima e vera che racchiudono!

 I mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione immagini di tutti i tipi, e da tutte le parti del mondo, ma esse scorrono via non lasciando alcuna traccia nella nostra vita, se non fugaci emozioni; vedere col cuore significa andare oltre il dato visibile, avere uno sguardo penetrante, perché penetrato da un desiderio di affetto e di interesse per ciò che abbiamo davanti. Pier Paolo Pasolini dopo aver incontrato Santa Teresa di Calcutta disse: “Madre Teresa, quando guarda, vede”. Perché i suoi occhi erano illuminati dall’amore, dalla passione per la vita, dalla cura per qualunque fratello le fosse capitato davanti
Come possiamo noi, vedere con il cuore? Detto in altri termini: come possiamo amare e conoscere nel profondo, ed essere capaci dunque di vedere ciò che è invisibile allo sguardo degli occhi? E chi può darci questo amore così grande?

Il Signore Gesù ci invita a rimanere sempre in lui e nella comunione col Padre realizzata nello e dallo Spirito, ma per rimanere in qualsiasi comunità o famiglia, bisogna pur accettarne le regole di convivenza. Per questo obbedire ai comandamenti di Gesù non assume un significato di sottomissione servile ma significa esprimere nella praticità e fattualità della vita, il desiderio di voler permanere nella comunione d’amore di Dio Padre che Gesù ci ha rivelato e alla quale Gesù stesso si è sottomesso. Gesù dice infatti: “Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri (Gv 15,17).

L’amore ricevuto da Dio per mezzo dello Spirito e l’amore custodito nell’amore fraterno ci permetteranno di vedere cose altrimenti invisibili. Per questo Pietro insieme agli apostoli potrà dire riguardo i fatti della risurrezione di Gesù: “…di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo, che Dio ha dato a quelli che gli obbediscono”. (Atti 5,32)
Fonte:http://fradamiano.blogspot.it/

Post popolari in questo blog

fr. Massimo Rossi Commento su Matteo 25,31-46 - "Cristo Re"