PADRE TIZIANO SOFIA, "IL VALORE DELLA VITA "

IL VALORE DELLA VITA 
7 maggio 2017     IV^ dom Pasqua - A
Ogni essere per il fatto di esistere ha un valore. Solo il nulla è senza

valore. I minerali, i vegetali, gli animaii, l'uomo, gli angeli, Dio:
possediamo la vita, dal grado più basso a quello eccelso, ultimo,
perchè DIVINO.
Ogni vita ha il suo proprio valore, da non sminuire, ma neppure da
sopravalutare. Un gatto o un cane domestico debbono stare al loro
livello "animale". Non sono né da maltrattare né da considerare come
"compagni di vita". Animali mortali e basta.
L'uomo? Nella scala della vita occupa una posizione ben definita: né
animale del tutto, né puro angelo, tanto meno però animale da fatica o
superiore a quelli della propria natura: i nati da uomo e da donna. Tutti
uguali in valore, anche se con compiti diversi.
C'e una novità: un minerale non diventerà mai animale e un animale
non diventerà mai uomo. L'UOMO, per volontà libera del Creatore, è
chiamato nientemeno che alla vita divina. Gli angeli pure. Uomo e angeli
debbono assurgere alla vita divina per volontà efficace del Creatore.
L'uomo e gli angeli han tentato di divinizzarsi da soli. E inventarono così
l'inferno!
1
L'annuncio fondamentale di Pietro
SIAMO CHIAMATI DA DIO ad essere aperti al dono dello SPIRITO SANTO,
il quale diventerà un elenento essenziale all'uomo, fatto di corpo
materiale, di anima personale, ma tutti insieme di BEATTEZZATI, immersi
nello Spirito di Cristo. E diventiamo uomini SPIRITUALI.
Se questo è l'annuncio chiarissimo di Pietro, non si è veri uomini senza
Spirito, e tanto meno si è cristiani autentici vivendo una vita a-spirituale.
Siamo stati battezzati nello Spirito di Cristo? Dobbiaro rimanerci dentro
per sempre. II battesimo non è un bagna-asciuga. E' immersione
definitiva, come pesci nel mare.
Questa è l'unica volontà di Dio per noi. II bagna-asciuga non è
ammissibile, anche se molti vorrebbero viverlo tranquillamente.
Forse non abbiamo CAPITO a che cosa è destinata la nostra vita: non a
una vita materiale, ma a quella nello SPIRITO.
Invito di Pietro allora: "SALVATEVI DA QUESTA GENERAZIONE
PERVERSA!" Ogni generazione, anche la nostra, vuole una commistione
di due vite antitetiche. Ma non è certo questa la volontà di Dio per noi.
Dunque... LA DECISIONE è TUA! Tutti chiamati, pochi i "riusciti".
E' ancora Pietro che parla a noi oggi
- II cristianesimo non è un altalenarsi tra bene e male. "Facendo
solo il bene saremo graditi a Dio" dice Pietro. Certo, non è
proprio facile. Ma chi corre nello stadio non può fare un passo
avanti e uno indietro: perderebbe la medaglia d'oro! La corsa è
sempre DURA! In avanti.
- Siamo chiamati ad essere GIUSTI davanti a Dio, cioè uomini
divinizzati nello Spirito di Cristo. Dobbiamo lasciare il peccato,
mentre tutti i peccati sono stati cancellati da Cristo sulla croce.
Anche i miei... Una volta rimessi in buona salute, "NON
VIVIAMO PIU' PER IL PECCATO", dice Pietro.
- Insomma, da pecore matte ed erranti, all'unico gregge di Cristo,
il Buon Pastore che dà la sua vita alle pecore, le quali , a loro
volta, garantiscono una buona vita al pastore.
Dentro o fuori del recinto? In pascoli buoni o contaminati?
Ho fatto il pastorello di alcune pecore. Sapevo dove portarle per farle
2
mangiare e bere bene. Sapevo soprattutto che di sera bisognava portarle
all'ovile, altrimenti... E che ottima lana ci davano poi!
Volevo loro bene. Mi piaceva vederle sazie e tranquille. Non sarà questo
il sentimeno divino più profondo di Cristo? Non sarà Lui il Buon Pastore e
I'ottimo pascolo, insieme al ruscello d'acqua viva? Non sarà lui che si
prende cura e a cuore ognuno di noi, fino a portarci definitivamente
nell'ovile, la casa di suo Padre?
Ma siamo noi ad essere sovente "pecore matte" in balia di lupi
rapaci, oggi in continuo aumento ovunque, sempre in agguato per
troppe pecore con troppa iniziativa personale!
- Impegno nostro: seguire la voce del Buon Pastore.
- Andare solo nei pascoli scelti da lui e alle acque buone scelte da lui.
Insomma, i sacramenti ben approfittati.
- Entrare e uscire sempre dall'unice porta: GESU' CRISTO.
RISULTATO:
 AVREMO LA VITA, umano-divina,
 IN ABBONDANZA.
 In ottima salute.
Degni di entrare per la porta Santa nell'OVILE.
Perchè farcela rubare, uccidere dal lupo ladro e rapace?
Tremenda una frase di Gesù: "TUTTI COLORO CHE SONO VENUTI PRIMA
DI ME, SONO LADRI E BRIGANTI!".
Attenti al lupo, ai lupi!... Sono tantissimi oggi, magari con pelle di pecora,
con finta lana.
PECORA AVVISATA, PECORA MEZZO SALVATA! Capito? ...
Fonte:http://www.padretiziano.it/

Post popolari in questo blog

fr. Massimo Rossi Commento su Matteo 25,31-46 - "Cristo Re"