PADRE TIZIANO SOFIA,"NON FORZARE LA MANO DI DIO "

25 giugno 2017 XII T.O. - Anno A  NON FORZARE LA MANO DI DIO
Supponiamo che tu ti trovi in una situazione "mortale'' per l'odio

infernale di una persona. Come devi comportarti? Come devo
comportarmi io che scrivo e che mi trovo in tale condizione? E tu che
leggi e vivi un momento tragico?
La risposta di Geremia
- LA CALUNNIA, il terrore, la denuncia, l'inganno, la vendetta, e
finalmente la MORTE: è il progetto del nemico.
- L'ispirazione di Dio al profeta, a me, a te in pericolo: "IL SIGNORE è AL
MIO FIANCO COME UN PRODE VALOROSO. I miei persecutori
vacilleranno e non potranno prevalere. E' pronta per loro una vergogna
eterna e incancellabile.
La preghiera di Geremia:
"Signore onnipotente, CHE PROVI IL GIUSTO,
che vedi il mio cuore e la mia mente,
a Te ho affidato la mia causa".
1
Finale:
"Cantate inni al Signore,
perchè ha liberato la vita del povero
dalle mani dei malfattori!".
Polizia, avvocati, tribunali, vendetta privata, arma, machete?... NO! Solo
il Signore, il quale sta mettendo alla prova la mia fiducia in Lui. Devo
scegliere: o ci pensa Lui, o ci penso io. Meglio LUI.
Il ragionanento di Paolo ai Romani
Ma che diavolo c'è dentro l'uomo quando dentro di me e negli altri
scopro tanta cattiveria e malvagità di ogni genere? Risposta: Adamo ha
rifiutato Dio, ma come primo anello di una catena lunga quanto la storia,
ha trascinato tutti noi, me, te, la tua famiglia, gli altri. E dopo il peccato,
eccoti l'odio, le invidie, le gelosie, la rabbia, le guerre, gli assassini,
insulti, le vendette... e la MORTE.
E Dio non si muove, non fa nulla? FORZIAMOGLI LA MANO perchè si
sbrighi! Perchè faccia piazza pulita attorno a me.
Macchè! Dio risponde a suo tempo, che non è il nostro. Ma risponde da
Dio, con la grazia, con il perdono, la misericordia, con la risurrezione
finale. A patto che l'uomo si converta, torni a lui. E Cristo è il primo
anello della nuova CATENA DEGLI UOMINI DI DIO, anche se molti di loro
han dovuto e dovranno cadere morti per mano di malvagi. La storia
attuale è una dimostrazione chiara: cerchi la soluzione dei potenti della
terra, o solo quella di Dio, anche nel tuo caso particolare? Decido, nel
mio caso: SOLO QUELLA DI DIO!
LA PAURA DEGLI UOMINI CHE MI METTONO IN PERICOLO DI VITA
- Per loro la mia eliminazione è certa.
Una strategia satanica e mi faranno fuori. Come successe a Gesù. Morte
fisica o "sociale" sicura. Potrebbe succedere che un barbone si faccia
padrone e vedrai cosa produce un tale individuo. Da apostolo a
traditore: la storia di Giuda continua nelle membra di Gesù.
Come la pensa Gesù: NON ABBIATE PAURA DEGLI UOMINI!
Tutte le loro macchinazioni e malvagità verranno a galla, saranno
svelate.
E noi minacciati? Continuate a denunciare e ad annunciare!
Al massimo i malvagi possono uccidere il corpo, ma non l'anima.
Che abbiano loro paura, un giorno, dell'inferno dove la loro anima e il
2
loro corpo finiranno per sempre.
Aspettare tanto tempo così?
Risponde Gesù: NON FORZARE LA MANO DEL PADRE.
Un paragone utopico: due passeri valgono un soldo, come dire nulla.
Eppure se cadono sotto la doppietta del cacaiatore, è Dio che lo sa e lo
permette: "Nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre
vostro". Altro assurdo: io ho perso quasi tutti i capelli della testa!
Ebbene, Dio sa esattamente il numero dei capelli caduti. Quindi NIENTE
PAURA: per Lui io valgo infinitamente di più di un passero e di un
capello.
Una domandina finale: perchè alcune persone sono tanto rifiutate? Se è
perchè scomode con la loro condotta cristiana e la loro parola secondo il
Vangelo, niente paura: "Io ti difenderò davanti al Padre mio che sta nei
cieli riconoscendoti come mio discepolo!".
Nota bene: e i malfattori? Niente paura: "Chi non vivrà secondo il mio
Vangelo, non lo difenderò davanti al Padre mio e vostro!".
Salmo 68:
"Per te, Signore, sopporto l'insulto! Sono diventato estraneo ai miei
fratelli, straniero per i figli di mia madre, perchè mi divora lo zelo per la
tua casa/causa. O Dio, volgiti a me nella tua grande tenerezza. Fatevi
coraggio, poveri e perseguitati. Dio vi ascolta!".
Da non dimenticare mai: qualsiasi dura prova della vita è una opportunità
provvidenziale se vissuta alla luce del Vangelo. Persino il peccato
protrebbe esserlo. Si apprezza di più la luce quando si è vissuti
nell'oscurità. Si assapora di più la libertà dopo il carcere. Il cibo, dopo la
fame; l'acqua, dopo la sete. La pace, dopo la guerra. DIO, dopo la morte,
nella risurrezione!
FIDARSI DELLA FEDELTA' DI DIO è una decisione utopica, ma VINCENTE.
Fonte:http://www.padretiziano.it

Post più popolari