fra Damiano Angelucci"Chi cerca trova "( ... anche quando non cerca )

Commento al Vangelo di Domenica 30 luglio 2017, XVII Dom del TO, anno A
Chi cerca trova ( ... anche quando non cerca )
TESTO ( Mt 13,44-52 )     
In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va,
pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.
Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.
Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».


COMMENTO

Non vorrei sminuire le parabole di Gesù ad un semplice proverbio di ordinaria tradizione popolare, quasi che la sapienza del Signore non aggiungesse nulla a quella dell’uomo.
Mi sembra invece che le sfumature delle parabole di Gesù, nella loro leggera diversità, comunicano una straordinaria profondità. Il commerciante di perle va alla ricerca di qualcosa di prezioso; egli gioca al rilancio; si tratta di un uomo che commerciando e vivendo di esso è capace di intuire che una perla potrebbe fruttare molto di più del suo valore attuale. E così via, di acquisto in acquisto fino ad arrivare al termine della sua corsa, alla perla più preziosa, quella che soddisfa il suo appetito di bellezza. Potrà essere sicuro che non vi siano perle ancora più preziose? In principio no. Ma quella bellezza appaga il suo desiderio e tanto gli basta.

Un desiderio di cose preziose che giace sempre nel cuore di ogni uomo, qualsiasi esperienza stia facendo. Ecco allora anche l’uomo “qualunque” che trova per caso il tesoro nel campo. Ma il suo cuore sa riconoscere il tesoro, il suo cuore è pieno di gioia, perché un desiderio era attivo e capace di orientarsi a ciò che lo appagava. Un desiderio che era già alla ricerca di qualcosa che potesse saziarlo e che non si lascia sfuggire la prima occasione opportuna.
Sembra così scontato saper riconoscere un tesoro? Quante volte dobbiamo dire di alcune persone che hanno il pane ma non i denti? Come per dire che non sanno godere di una Provvidenza che attraversa la loro vita.

Ecco chi sono gli uomini buoni: quelli che cercano la bontà con tutto il cuore, che custodiscono il desiderio del bene, e per questo il loro sguardo diventa vigile, attento, sapiente, capace di vedere laddove altri non vedrebbero nulla.
Fonte:http://fradamiano.blogspot.it/

Post più popolari