don Angelo Sceppacerca Commento Domenica 17 giugno

Domenica 17 giugno
Angelo Sceppacerca
Ez 17,22-24; 2Cor 5,6-10; Mc 4,26-34

L’uomo che getta il seme sul terreno e si meraviglia della crescita a sua insaputa, è il discepolo, uno che ha annunciato la notizia bella ed ora è “testimone” della potenza e della fecondità della Parola. Lui può anche dormire perché il seme germoglia e cresce per forza sua e il terreno produce spontaneamente. Il Vangelo ha potenza propria, ma anche il testimone ha un ruolo irrinunciabile nella comunicazione del dono di Dio all’umanità. Gioia per il frutto della testimonianza e atteggiamento umile nell’offrirla.

Il regno di Dio può essere rappresentato con le infinite parabole e i tanti segni della creazione e della storia. Quella del granello di senape fa risaltare il contrasto tra il più piccolo dei semi e la più grande tra le piante del giardino. Se vale per il regno, ancor più per Gesù che lo in carna, divino chicco di grano caduto in terra che muore e porta tanto frutto.

Se la parabola vale per il discepolo, la chiamata è per la Chiesa dei discepoli testimoni, anch’essa nella condizione del piccolo seme che deve fruttare il più grande degli alberi. Come è possibile? Non si tratta di selezionare una élite autoreferenziale; ma i pochi per tutti, perché attraverso di loro Cristo Salvatore possa andare incontro a tutti, attirarli o almeno avvicinarli a sé e orientarli alla vita eterna.

La Chiesa esiste per evangelizzare (Paolo VI, Evangelii Nuntiandi, 14) ed evangelizza come “Sacramento universale di salvezza” (Lumen Gentium 48), cioè non solo come annuncio e strumento, ma anche come anticipo visibile del Regno di Dio. La prima preoccupazione deve essere quella dell’autenticità e non quella del numero. La Chiesa, anche se si riduce ad essere un piccolo gregge, continua a svolgere una missione universale per tutti gli uomini, dei cristiani che sono in piena comunione spirituale e visibile, dei cristiani che sono in comunione parziale, dei credenti di altre religioni, degli uomini di buona volontà. Essenziale non è il numero dei suoi membri, ma la “comunione di vita, di carità e di verità” con il Signore e tra i cristiani (Lumen Gentium 9).

Tra le tante parole, quella del Signore. Che è anche poesia, evocazione, seme essa stessa.

“Così dice il Signore Dio:
Un ramoscello io prenderò dalla cima del cedro,
dalle punte dei suoi rami lo coglierò
e lo pianterò sopra un monte alto, imponente;
lo pianterò sul monte alto d’Israele.
Metterà rami e farà frutti
e diventerà un cedro magnifico.
Sotto di lui tutti gli uccelli dimoreranno,
ogni volatile all’ombra dei suoi rami riposerà.
Sapranno tutti gli alberi della foresta
che io sono il Signore,
che umilio l’albero alto e innalzo l’albero basso,
faccio seccare l’albero verde e germogliare l’albero secco.
Io, il Signore, ho parlato e lo farò”. (Ez. 17, 22-24)

Fonte:www.agensir.it

Commenti