Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2015

Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM"EGLI DOVEVA RISUSCITARE DAI MORTI "

Immagine
PASQUA – 5 aprile 2015Gv 20,1-9 
Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era
ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse

Umberto DE VANNA SDB Venerdì Santo - T. Quaresima 2015

Immagine
3 aprile 2015 | Venerdì Santo - Tempo di Quaresima B | Omelia
Venerdì Santo - T. Quaresima 2015
Per cominciare
Oggi non si celebra l'eucaristia. Il Signore della vita incredibilmente muore. Viviamo insieme a Gesù le ore della sua sofferenza seguendo il racconto della passione secondo Giovanni e lasciandoci accompagnare dalla parola dei profeti. Un'ampia preghiera universale e l'adorazione della croce precedono la consumazione del Pane consacrato il Giovedì santo. Mancano i riti d'inizio: tutto comincia con una preghiera silenziosa, in ginocchio, di tutta l'assemblea.

don Luciano Cantini " Vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio"

Immagine
Domenica di Pasqua - Risurrezione del Signore (Anno B) (05/04/2015)
Vangelo: Gv 20,1-9 
Passato il sabato
Al confronto con i capitoli che raccontano la Passione del Signore, poche righe sono sufficienti per parlare della Resurrezione, otto versetti in tutto che concludono lo scritto di Marco, i restanti versetti che compongono il sedicesimo capitolo sono una aggiunta redazionale posteriore non presenti in molti codici antichi, su questo concordano tutti gli studiosi. Allora occorre esaminare con attenzione queste poche preziose parole.

fr. Massimo Rossi " E vide e credette"

Immagine
Domenica di Pasqua - Risurrezione del Signore (Anno B) (05/04/2015)
Vangelo: Gv 20,1-9 
"...e vide e credette.".
Beh, dovremmo correggere: E non vide proprio nulla, perciò credette.
Dunque, la fede nella presenza (di Cristo) è fondata sulla constatazione di un'assenza.
Dio c'è perché non c'è! i giochi di parole si

Pane quotidiano"In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà"

Immagine
VANGELO (Mt 26,14-25) Commento: P. Raimondo M. SORGIA Mannai OP (San Domenico di Fiesole, Firenze, Italia)
In quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnare Gesù.

Dai «Trattati su Giovanni» di sant'Agostino"La pienezza dell'amore"

Immagine
(Tratt. 84, 1-2; CCL 36, 536-538)
    Il Signore, o fratelli carissimi, ha definito la pienezza dell'amore con cui dobbiamo amarci gli uni gli altri con queste parole: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gv 15, 13). Ne consegue ciò che il medesimo evangelista Giovanni dice nella sua lettera: Cristo «ha dato la sua vita per noi, quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli», (1 Gv 3, 16) amandoci davvero gli uni gli al

mons. Roberto Brunelli"Nulla ci può togliere la speranza"

Immagine
Domenica di Pasqua - Risurrezione del Signore (Anno B) (05/04/2015)
Vangelo: Gv 20,1-9 
"Non lasciatevi rubare la speranza", ripete spesso il papa Francesco. Belle parole, si può pensare, che però confliggono con la realtà quotidiana, di tanti giovani senza lavoro e dunque senza prospettive, di famiglie che non arrivano a fine mese, di minacce di morte imprevedibili come

Paolo Curtaz " Non è qui!"

Immagine
Veglia Pasquale nella Notte Santa (Anno B) (04/04/2015)
Vangelo: Mc 16,1-8 
Voi cercate Gesù Nazareno, il crocefisso. È risorto, non è qui!
Il tono dell'angelo, nel vangelo di Marco che abbiamo letto questa notte, è perentorio, non ammette repliche. È risorto, inutile cercare di

padre Gian Franco Scarpitta " Offrire e riprendere"

Immagine
Giovedì Santo (Messa in Cena Domini) (02/04/2015)
Vangelo: Gv 13,1-15 
Nessuno mi toglie la vita, ma la offro da me stesso, perché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio" (Gv 10, 17-18)
Con queste parole Gesù, fomentando lo sdegno e l'inimicizia dei Giudei che tenteranno di ucciderlo, afferma la sua comunione intima con il Padre che avviene nello Spirito Santo: lui è infatti Dio assieme alle altre Due Persone. Lo Spirito Santo fa in modo che fra lui e il Padre vi sia identità piena e quindi anche eternità e

Don Giorgio Scatto "La morte è stata vinta per sempre, non fa più paura"

Immagine
PASQUA, anno B
1)Ho abitato per un anno intero a Betania, vicino alla tomba di Lazzaro. Innumerevoli volte sono passato di lì con il passo stanco di chi ha smarrito la via o con l’andatura leggera, come di quelli che corrono verso i luoghi da sempre conosciuti. Betania dista da Gerusalemme circa tre chilometri. Io mi recavo nella città santa ogni giorno per l’Eucaristia, nel piccolo monastero preso in affitto dalla Famiglia spirituale di don Giuseppe Dossetti, alla sommità del

MACHETTA Domenico SDB"Donava se stesso come il vero Agnello"

Immagine
2-3 aprile 2015 | Giovedì-Venerdì Santo - Tempo di Quaresima B | Appunti per la Lectio
1ª LETTURA: Es 12,1-8.11-14 - VANGELO: Gv 13,1-15
1ª LETTURA: Is 52,13-53,12 - VANGELO: Gv 18,1-19,42
Giovedì Santo:
La prima lettura del giovedì santo è tratta dal grande capitolo 12

D. Severino GALLO sdb""ECCO L'UOMO !"

Immagine
3 aprile 2015 | Venerdì Santo - Tempo di Quaresima B | Omelia
Nel racconto della Passione di Gesù secondo Giovanni metterei in evidenza questa scena: "Allora Gesù uscì portando la corona di spine e il mantello di porpora". Pilato disse loro: "Ecco l'uomo!" (Gv. 19,5).

D. Gianni Mazzali SDB"PER LE SUE PIAGHE NOI SIAMO STATI GUARITI"

Immagine
3 aprile 2015 | VENERDI' SANTO: iN COENA DOMINI
C'è un dolore che travolge fino alla morte e c'è una sofferenza che purifica, che libera e salva. Sperimentare il dolore, la sofferenza fisica e morale è esperienza universale, come nessuno può sottrarsi o dichiararsi estraneo alla realtà della morte. Oggi la Parola indaga nella sofferenza di Gesù, il Figlio di Dio, crocifisso e ucciso. Lasciamoci penetrare da un'oscurità e da un silenzio che sono chiari ed eloquenti per la nostra vita.
Portava il peccato di molti

Abbazia Santa Maria di Pulsano Letture patristiche della Domenica «della Resurrezione del Signore» Anno B

Immagine
Evangelo della Veglia: Mc 16,1-8
1. Siamo come Cristo!
Ieri s`immolava l`agnello e le porte venivano dipinte col sangue e tutto l`Egitto pianse i suoi primogeniti, ma noi restammo immuni, il sangue sulle porte ci

Abbazia Santa Maria di Pulsano Lectio domenica «della resurrezione del signore» Anno B

Immagine
Evangelo della Veglia: Mc 16,1-8
Paolo con un grido in cui vibra tutta la sua anima mossa dalla sua fede afferma in 1 Cor 15,12-13 e 20:
«Se si predica che Cristo fu risvegliato dai morti,
come dicono alcuni che non esiste resurrezione dei morti?
Se resurrezione dei morti non esiste, neppure Cristo fu risvegliato,
ma se Cristo non fu risvegliato, vuota è quindi la predicazione nostra,

Pane quotidiano"Ed era notte"

Immagine
VANGELO (Gv 13,21-33.36-38) Commento: Abbé Jean GOTTIGNY (Bruxelles, Belgio)
In quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà».
I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli,

Dal libro «Su lo Spirito Santo» di san Basilio Magno,"Unica è la morte al mondo e unica la risurrezione dei morti"

Immagine
(15, 35; PG 32, 127-130)
    L'economia di salvezza di Dio, nostro salvatore consiste nel rialzare l'uomo dalle sue cadute e nel farlo ritornare alla intimità divina, liberandolo dall'alienazione a cui l'aveva portato la disobbedienza. La venuta di Cristo nella carne, gli esempi di vita evangelica, le sofferenze, la croce, la sepoltura, la risurrezione sono per la salvezza dell'uomo perché abbia di nuovo, mediante l'imitazione di Cristo, l'adozione a figlio di cui era dotato all'inizio.

sr. Raffaella Cavalera,"Preghiera e vigilanza"

Immagine
“Vegliate in ogni momento pregando” (Lc 21,36).
Più volte Gesù raccomanda ai suoi discepoli di “vegliare”, cioè di essere vigilanti per essere pronti a cogliere la venuta del Signore, ma anche per non lasciare che il proprio cuore si appesantisca “in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita” (Lc 21,34). Anche nel Getsèmani Gesù dice a Pietro, Giacomo e

don Alberto Brignoli " Dio, quotidiano ed eterno"

Immagine
Giovedì Santo (Messa in Cena Domini)
Vangelo: Gv 13,1-15
Tra le cose sulle quali l'uomo contemporaneo - vale a dire ognuno di noi - trova maggior difficoltà nel suo vivere quotidiano ce ne sono due che sembrano tra di loro contradditorie, quasi opposte l'una all'altra, ma che in realtà sono le due facce di un'unica medaglia. Una è proprio la quotidianità; l'altra, è l'eternità dei suoi gesti. Da una parte, non riusciamo più ad assicurare alle scelte che facciamo una dimensione di stabilità, qualcosa che

D. Mario Maritano SDB Giovedì Santo (Messa in Cena Domini) (02/04/2015)

Immagine
 Commento su Gv 13,14-15
Casa di Preghiera San Biagio FMA  
Giovedì Santo (Messa in Cena Domini) (02/04/2015)
«Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi».

Padre TIZIANO SOFIA"FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME"

Immagine
 2 aprile 2015 CONTINUATE A FARE CIO' CHE STO FACENDO GIOVEDI' SANTO
Lasciamo parlare Gesù agli apostoli, ai sacerdoti, ai cristiani,
a tutta l'umanità.
Cari Apostoli, cari amici sacerdoti, cari discepoli, ANDATE A PREPARARE PER NOI LA CENA DI PASQUA (Lc 22,8) Sì, non è una pasqua solo mia o solo vostra. E' "per noi". Andate in città, nei villaggi, nelle missioni, nelle periferie, ovunque.

Movimento Apostolico " E voi siete puri, ma non tutti"

Immagine
Giovedì Santo (Messa in Cena Domini) (02/04/2015)
Vangelo: Gv 13,1-15 
La coscienza dell'uomo oggi è sfasata, alterata, totalmente contraffatta. Non riesce più a operare quel santo discernimento tra puro e impuro, giusto e ingiusto,

Riccardo Ripoli"Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà"

Immagine
Riccardo Ripoli
Quante volte siamo stati traditi e le persone che lo hanno fatto sono state spesso quelle a noi più vicine, quelle alle quali avevamo dato fiducia, per le quali avevamo aperto le nostre barriere difensive.
Il tradimento dei propri valori è sempre una cosa brutta, ma quando questo avviene per mano di amici diventa difficile sopportarlo e spesso

Movimento Apostolico"Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?"

Immagine
Nella Scrittura Santa figura di Gesù venduto è Giuseppe, figlio di Giacobbe. È venduto dai suoi fratelli, per invidia, a dei mercanti Ismaeliti, i quali a loro volta lo vendono a Potifàr, eunuco del faraone. È triste quando il fratello vende il fratello.
Essi lo videro da lontano e, prima che giungesse vicino a loro, complottarono contro di lui per

Card. Angelo Scola Domenica delle palme nella Passione del Signore

Immagine
Arcidiocesi di Milano
Processione e Celebrazione Eucaristica
Zc 9,9-10; Salmo 47 (48); Col 1,15-20; Gv 12,12-16
Duomo di Milano, 29 marzo 2015
1. Come pellegrini
Insieme abbiamo vissuto un gesto antico che affonda le proprie radici nella chiesa primitiva di

Pane quotidiano"Cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli"

Immagine
VANGELO (Gv 12,1-11) Commento: Rev. D. Jordi POU i Sabater (Sant Jordi Desvalls, Girona, Spagna)
Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Làzzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Làzzaro era uno dei commensali.
Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi

Dai «Discorsi» di sant'Agostino"Gloriamoci anche noi nella Croce del Signore"

Immagine
(Disc. Guelf. 3; PLS 2, 545-546)
    La passione del Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo è pegno sicuro di gloria e insieme ammaestramento di pazienza.
    Che cosa mai non devono aspettarsi dalla grazia di Dio i cuori dei fedeli! Infatti al Figlio unigenito di Dio, coeterno al Padre, sembrando troppo poco nascere uomo dagli uomini, volle spingersi fino al punto di morire quale uomo e proprio per mano di quegli uomini che aveva creato lui stesso.

MOMENTI FRANCESCANI 29 marzo 2015, domenica delle palme e di passione

Immagine
Dal Vangelo
Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo Marco 14,1 – 15,47
Alle fonti
Leggenda dei tre compagni, 51: FF 1460
Terminata l’orazione, il Santo si presentò al sommo pontefice e gli raccontò in tutti i particolari la parabola rivelatagli dal Signore. E aggiunse: «Sono io, signore, quella donna poverella che Dio ama e per sua misericordia ha reso bella e dalla quale si compiacque avere dei

OMELIA DI PAPA FRANCESCO DOMENICA DELLE PALME E DELLA PASSIONE DEL SIGNORE

Immagine
Piazza San Pietro
XXX Giornata Mondiale della Gioventù
Domenica, 29 marzo 2015
Al centro di questa celebrazione, che appare tanto festosa, c’è la parola che abbiamo ascoltato nell’inno della Lettera ai Filippesi: «Umiliò sé stesso» (2,8). L’umiliazione di Gesù.

Padre RANIERO CANTALAMESSA"CON PIETRO O CON GIUDA?-DOMENICA DELLE PALME"

Immagine
Isaia 50,4-7; Filippesi 2,6-11; Marco 14,1 – 15,47
La domenica delle Palme è l’unica occasione, in tutto l’anno, in cui si ascolta per intero il racconto evangelico della passione. Il dato che più colpisce, leggendo la passione secondo Marco è il rilievo dato al tradimento di Pietro. Esso è prima annunciato da Gesù nell’ultima

Omelia attribuita a sant'Epifanio di Salamina« Ecco, a te viene il tuo re. Umile, cavalca un asino, un puledro figlio d'asina » (Zc 9, 9)

Immagine
Meditazione del giorno 
Omelia 1 per la festa delle Palme ; PG 43, 427s
    “Esulta grandemente, figlia di Sion”; giubila, Chiesa di Dio; “Ecco, a te viene il tuo re” (Zc 9,9). Vagli incontro, affrettati a contemplare la sua gloria. Ecco la salvezza del mondo: Dio va verso la croce, e il Desiderato delle nazioni (Ag 2,7) fa il suo ingresso in Sion. Viene la luce; gridiamo insieme con il popolo: “Osanna al Figlio di Davide.

CIPRIANI SETTIMO SDB "Veramente questo uomo era Figlio di Dio!"

Immagine
29 marzo 2015 | 6a Domenica: Le Palme - Tempo di Quaresima B | Appunti per la Lectio
D0MENICA DELLE PALME E DELLA PASSIONE DEL SIGNORE
È un po' strana la Liturgia di questa Domenica immediatamente precedente la Pasqua: per un verso è intrisa di gioia e intende celebrare l'ingresso "regale" di Gesù in Gerusalemme fra l'esultanza della folla e lo stupore innocente dei fanciulli; per un altro, è come oppressa da una pesante coltre di mestizia perché è tutta tesa verso lo sbocco drammatico di quei troppo rapidi

MACHETTA Domenico SDB Commento Domenica delle Palme Mc 11,1-10 - Mc 14,1-15,47

Immagine
29marzo 2015 | 6a Dom. Le Palme - Tempo di Quaresima B | Appunti per la Lectio
L'entrata di Gesù in Gerusalemme, nell'anno B (Mc 11,1-10), ha il colore tipico della teologia di Marco. Una narrazione non trionfale, come quella di Matteo, ma scar- na ed essenziale, in cui già emerge il tema del rifiuto e del- la solitudine di Gesù. Gesù entra mite, disarmato, sulla cavalcatura dei poveri, ma potente: questa volta Marco lo chiama Kürios, il Signore.
Si compie la profezia di Zaccaria 9,9. Gesù opera un'azione

Umberto DE VANNA SDB Commento 6a Domenica: Le Palme - T. Quaresima 2015

Immagine
29 marzo 2015 | 6a Domenica - Tempo di Quaresima B | Omelia
Per cominciare
Marco 11, 1-10. La "settimana santa" si apre con questo ingresso solenne e regale di Gesù a Gerusalemme. Da re pacifico, cavalca un puledro tra una folla osannante. E lui non li fa tacere.
Anche noi, per un'antica tradizione molto sentita e popolare, ci uniamo a quanti si sono stretti attorno a Gesù alla vigilia della sua passione.
Il testo di Marco ha tutte le caratteristiche di un reportage giornalistico, quasi di una cronaca. Ma vi appare anche un sottofondo politico che

S.ROMANO IL MELODE" Maria seguiva, consumata dal dolore,"

Immagine
MEDITAZIONE
Come pecora che contempla il proprio agnello trascinato al macello, Maria seguiva, consumata
dal dolore, insieme alle altre donne, gridando così: "Dove vai, figlio mio? Per quale ragione fai
questa rapida corsa? Vi sono altre nozze a Cana, è forse là che tu ti affretti per far loro del vino
con l'acqua? Posso accompagnarti, figlio mio, o è meglio che ti aspetti?

Mons. Francesco Follo Lectio Divina"Una festa di passione, per entrare nella Gerusalemme della Carità di Dio"

Immagine
PARIGI, 28 Marzo 2015 (Zenit.org) Lectio Divina sulle letture per la Domenica delle Palme 2015


1) Le Palme: dal trionfo umano a quello divino.
La Pasqua si avvicina. Inizia la Settimana Santa, che si conclude non con il venerdì di morte né con il sabato del silenzio tombale di Dio, ma sboccia nella domenica di Risurrezione.
Settimana drammatica, che inizia con un trionfo di gente festante, prosegue in una tensione tra

Pane quotidiano"Davvero quest’uomo era Figlio di Dio!"

Immagine
VANGELO Forma breve (Mc 15, 1-39) Commento: Rev. D. Fidel CATALÁN i Catalán (Terrassa, Barcelona, Spagna)
La passione del Signore 
Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo Marco
- Volete che io rimetta in libertà per voi il re dei Giudei?

Dai «Discorsi» di sant'Andrea di Creta, "Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d'Israele"

Immagine
(Disc. 9 sulle Palme; PG 97, 990-994)
    Venite, e saliamo insieme sul monte degli Ulivi, e andiamo incontro a Cristo che oggi ritorna da Betània e si avvicina spontaneamente alla venerabile e beata passione, per compiere il mistero della nostra salvezza.
    Viene di sua spontanea volontà verso Gerusalemme. È disceso dal cielo, per farci salire con sé lassù «al di sopra di ogni principato e autorità, di ogni potenza e dominazione e di ogni altro nome che si possa nominare» (Ef 1, 21). Venne non per conquistare la gloria, non nello sfarzo e nella

don Marco Pozza "Puledri, asini e cianfrusaglie varie: benvenuti a Gerusalemme"

Immagine
Domenica delle Palme (Anno B) (29/03/2015)
Vangelo: Mc 14,1-15,47 
Agli appuntamenti con Cristo si va sempre di fretta: una volta giunti a Lui, poi, ci sarà tutto il tempo per riposarsi stando con Lui, per rimettersi in cammino dopo averlo incontrato, per riprendersi dopo lo stordimento di quella

Fra. Giovanni Voltan“Sei tu il Cristo, il Figlio del Benedetto? Gesù rispose: Io lo sono!”

Immagine
29 marzo 2015, Domenica delle Palme e della Passione (Mc 14,61)
La domenica delle Palme è il portale della Settimana Santa. A narrarci la Passione di Gesù quest’anno tocca all’evangelista Marco. Occorre seguirlo passo passo, sostando dal capitolo 14.mo al 15.mo. Marco non teme di presentarci lo scandalo della croce nella sua drammaticità. Parla pochissimo Gesù dopo la sua cattura e, richiesto, afferma di essere Lui il Cristo ovvero il Messia atteso e il Figlio di Dio. E’ Lui il Re. Tutto sembra smentirlo: la reazione del sommo sacerdote, la derisione dei servi, il

don Roberto Rossi "Gesù nella nostra città, nella nostra vita"

Immagine
Domenica delle Palme (Anno B) (29/03/2015)
Vangelo: Mc 14,1-15,47 
Gesù entra in Gerusalemme. La folla dei discepoli lo accompagna in festa, i mantelli sono stesi davanti a Lui, si parla di prodigi che ha compiuto, un grido di lode si leva: «Benedetto colui che viene, il re, nel nome del Signore. Pace in cielo e gloria nel più alto dei cieli».
Folla, festa, lode, benedizione, pace: è un clima di gioia quello che si respira. Gesù ha risvegliato

PADRE RANIERO CANTALAMESSA"ORIENTE E OCCIDENTE DI FRONTE AL MISTERO DELLA SALVEZZA"

Immagine
27/03/2015( 5'PREDICA DI QUARESIMA)
Con questa meditazione concludiamo il nostro giro di ricognizione della comune fede dell’Oriente e dell’Occidente, e lo concludiamo con quello che ci riguarda più direttamente, il problema della salvezza: come, cioè, Ortodossia e mondo latino hanno compreso il contenuto

Don Antonello Iapicca" È vivo Gesù coronato con le spine delle nostre ipocrisie"

Immagine
Commento al Vangelo della Domenica delle Palme 2015
TAKAMATSU, 27 Marzo 2015 (Zenit.org) - Domenica delle palme, Domenica della Passione di Gesù. Ma anche, e mai come oggi nella storia, Domenica del martirio. Pensi, infatti, alle palme e ti viene immediatamente in mente il brano dell’Apocalisse che ne parla: “Dopo ciò, apparve una moltitudine immensa, che nessuno poteva

D. Severino GALLO sdb"GLI AMICI DI GESU' NELL'ORTO"

Immagine
29 marzo 2015 | 6a Domenica: Le Palme - Tempo di Quaresima B | Omelia Abbiamo meditato sulla Passione di Gesù, sconfinato abisso d'amore e di dolore. Sono pagine sconvolgenti, che dovrebbero dare una svolta decisiva alla nostra vita: vita per vita, amore per amore.

Monaci Benedettini Silvestrini "Il trionfo che dura per l'eternità"

Immagine
Domenica delle Palme (Anno B) (29/03/2015)
Vangelo: Mc 14,1-15,47 
Le palme in segno di vittoria, i mantelli stesi a terra, i festosi osanna dei bambini e del popolo, la trionfale processione che acclama Cristo Gesù, re dei re e Signore dei signori! Viene spontaneo a tutti noi aggregarci a quella folla festosa, associarci a quei canti, partecipare a quel trionfo. Finalmente, verrebbe da dire! Dopo tante

Pane quotidiano"Per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi. "

Immagine
VANGELO (Gv 11,45-56) Commento: Rev. D. Xavier ROMERO i Galdeano (Cervera, Lleida, Spagna)
In quel tempo, molti dei Giudei che erano venuti da Maria, alla vista di ciò che Gesù aveva compiuto, [ossia la risurrezione di Làzzaro,] credettero in lui. Ma alcuni di loro andarono dai farisei e riferirono loro quello che Gesù aveva fatto.
Allora i capi dei sacerdoti e i farisei riunirono il sinèdrio e dissero: «Che cosa facciamo? Quest’uomo compie molti segni. Se lo lasciamo continuare così, tutti crederanno in lui, verranno i Romani e

Dai «Discorsi» di san Gregorio Nazianzeno"Saremo partecipi del mistero pasquale"

Immagine
Dai «Discorsi» di san Gregorio Nazianzeno, vescovo
(Disc. 45, 23-24; PG 36, 654-655)
    Saremo partecipi della Pasqua, presentemente ancora in figura (certo già più chiara di quella dell'antica legge, immagine più oscura della realtà figurata), ma fra non molto ne godremo di una più trasparente e più vera, quando il Verbo festeggerà con noi la nuova Pasqua nel regno del Padre. Allora ci manifesterà e insegnerà quelle realtà che non ci mostra ora se non di riflesso.
    Infatti quali siano la bevanda e il cibo del nuovo banchetto

GIOVANNINI Attilio sdb"La croce è gloria."

Immagine
29 marzo 2015 | 6a Domenica: Le PALME - Tempo di Quaresima B | Appunti per la Lectio
Gesù aveva aveva insegnato: 
*Se uno vuole salvare la propria vita la perderà.
Ma lui Gesù per primo deve pregare intensamente per accettare di perdere la vita. La sua ripugnanza estrema alla morte dice il sacrificio di un uomo che nel fiore della maturità vede stroncato ogni progetto, ogni reale risposta

dom Luigi Gioia" La passione del Signore"

Immagine
Domenica delle Palme (Anno B) (29/03/2015)
Vangelo: Mc 14,1-15,47 
Siamo giunti alla domenica della passione e della morte del Signore nostro Gesù Cristo. L'aspetto principale della liturgia odierna è la processione delle palme, che riviviamo ogni anno per misurare fino in fondo la contraddizione profonda del nostro cuore, per non dimenticare la tragica capacità che abbiamo oggi di acclamare il Signore e di considerarci suoi

don Alberto Brignoli "Ne è valsa la pena!"

Immagine
Domenica delle Palme (Anno B) (29/03/2015)
Vangelo: Mc 14,1-15,47 
Come ogni anno, anche quest'anno il Tempo di Quaresima è stato un tempo di grazia, non solo perché abbiamo potuto riscoprire maggiormente i valori dello spirito attraverso opere di penitenza e di ascesi, ma anche e soprattutto perché siamo stati aiutati a riscoprire la presenza di Dio nella nostra vita, che durante gli altri periodi dell'anno rischia di rimanere nascosta